Live Sicilia

Roma

L'emergenza rifiuti
sul tavolo del governo


Articolo letto 3.227 volte
governo, palermo, rifiuti, spazzatura, Palermo

C'è Palermo al primo posto trai provvedimenti urgenti che il Consiglio dei Ministri intende esaminare per l'emergenze. A comunicarlo, in una nota, è lo stesso ufficio stampa di Palazzo Chigi. Intanto, una delibera, approvata dalla giunta regionale presieduta da Rosario Crocetta, dà la possibilità al comune di Palermo di gestire in maniera diretta il servizio di raccolta.

VOTA
5/5
2 voti

PALERMO - I provvedimenti urgenti che il CdM intende esaminare per l'emergenze riguardano: 1) Emergenza rifiuti Palermo; 2) Ulteriori misure sisma Emilia e per favorire ricostruzione in Abruzzo; 3) Dichiarazione di area di crisi industriale Piombino; 4) Misure per assicurare il completamento delle opere e la realizzazione nei tempi previsti di Expo 2015". E' quanto comunica una nota di palazzo Chigi.

Una delibera, approvata dalla giunta regionale presieduta da Rosario Crocetta, dà la possibilità al comune di Palermo di gestire in maniera diretta il servizio di raccolta dei rifiuti, dopo il fallimento dell'Amia, in deroga alla normativa sugli Ato. Ad annunciare il provvedimento è stato lo stesso governatore durante il suo intervento al congresso regionale della Cisl, in corso a Palermo. Ad ascoltarlo in prima fila c'era anche il sindaco Leoluca Orlando, che ha accolto con soddisfazione l'iniziativa. Proprio Orlando, per primo, aveva parlato di gestione diretta del servizio da parte del comune, lanciano l'ipotesi della requisizione, prima che il Tribunale dichiarasse fallita.