Live Sicilia

25 aprile

Le commemorazioni
Presenti anche i No Muos


Articolo letto 817 volte

"spazzeremo via dalla nostra terra le basi di morte e i venti di guerra" è stato lo slogan dei manifestanti contro le antenne di Niscemi. Le iniziative hanno preso il via al giardino Inglese dove spiccava lo striscione dell'Anpi "Noi siamo partigiani della Costituzione".

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Cerimonie per celebrare la festa della Liberazione si sono svolte anche a Palermo. Vi hanno preso parte pure dei manifestanti contro la realizzazione del Muos a Niscemi con i loro slogan: "spazzeremo via dalla nostra terra le basi di morte e i venti di guerra". Le iniziative hanno preso il via al giardino Inglese dove spiccava lo striscione dell'Anpi "Noi siamo partigiani della Costituzione". Sono intervenuti il sopravvissuto di Cefalonia, Giuseppe Benincaca, il partigiano Placido Armando Follari, noto col nome di battaglia di "Comandante Otello", al quale è stata conferita nei giorni scorsi una medaglia dal comune, il coordinatore dell'Anpi Ottavio Terranova, i sindaci di Palermo Leoluca Orlando, e di altri comuni tra i quali quello di Pollina Magda Culotta, di Marineo, Franceso Ribaudo e di San Mauro Castelverde, Mario Azzolini.

E' stata deposta una corona di fiori. Ricordati anche a 120 anni di distanza i Fasci siciliani. Dopo un corteo fino a piazza Versi sulla scalinata del teatro Massimo si è esibito il coro della polizia municipale che ha intonato i canti dei partigiani e il Nabucco. "La Resistenza continua a difesa della democrazia e della Costituzionale. In una fase drammatica per il nostro Paese", hanno ribadito gli organizzatori. Al termine sono stati letti i nomi dei caduti dei fasci siciliani, della resistenza e della lotta alla mafia.