Live Sicilia

Sanità

Una commissione di controllo
sulle morti materne


Articolo letto 1.895 volte

Secondo le statistiche sono 24 le morti materne ogni 100mila nascite in Sicilia. In arrivo quindi una nuova commissione di controllo, coordinata dall'Istituto superiore di sanità. L'epidemiologa Gabriella Dardanoni sarà il responsabile scientifico.

VOTA
0/5
0 voti

commissione controllo, morti materne, Salute
PALERMO - Sbarca anche in Sicilia la commissione per studiare le cause della mortalità materna. Lo fa grazie ad un progetto coordinato dall'Istituto superiore di sanità, che mette insieme sei regioni pilota. L'ufficialità arriva dalla pubblicazione in gazzetta ufficiale del decreto assessoriale firmato da Lucia Borsellino.

Oltre alla Sicilia le altre sono Emilia-Romagna, Veneto, Piemonte, Toscana, Lazio e Campania. La prima tappa è quella della raccolta dei dati, in un contesto che vede in Sicilia 24,1 morti ogni 100 mila nati vivi. Un dato molto più alto di quello della media italiana, così come quella di altre regioni, come la Toscana e l'Emilia-Romagna. Nel primo caso sono 6,4 i decessi ogni 100 mila nati vivi, nel secondo invece 7,6. Ogni decesso di una donna in gravidanza o entro 42 giorni dal parto sarà segnalato al referente regionale del nuovo sistema di sorveglianza e sarà oggetto di un audit interno tra i professionisti che hanno assistito la donna.

Un comitato regionale avrà il compito di effettuare un'indagine confidenziale per definire le cause dei decessi ed evidenziarne l’eventuale prevedibilità. La commissione della Regione sarà composta da otto esperti. L'epidemiologa Gabriella Dardanoni svolgerà il compito di responsabile scientifico del progetto. Nello staff anche il ginecologo del Garibaldi di Catania Giuseppe Errore, l'ostetrica del Policlinico di Catania Rosaria Taverna, l'anestesista dell'Ingrassia di Palermo Emanuele Scarpuzza, il ginecologo del Buccheri La Ferla di Palermo Maria Rosa D'Anna, il neonatologo del Policlinico di Messina Ignazio Barberi, il referente rischio clinico del Villa Sofia di Palermo Tommaso Mannone e il dirigente dell'assessorato alla Salute Giuseppe Murolo.