Live Sicilia

ARTICOLO 4

Sammartino capogruppo
"Maggioranza? Nessun vincolo"


Articolo letto 8.864 volte
I deputati regionali Sammartino e Sudano

Il deputato catanese sarà affiancato, come vicecapogruppo da Valeria Sudano ex Cantiere popolare: "Abbiamo stretto un patto generazionale. Siamo indipendenti e voteremo gli atti che ci convinceranno. Il nostro unico obiettivo sarà quello di salvaguardare e rilanciare il lavoro in Sicilia". Ma gli effetti della "mossa" dei parlamentari potrebbero presto avvertirsi anche nella composizione del governo Crocetta.

VOTA
4.2/5
6 voti

PALERMO - “Da adesso in poi, nessun vincolo con la maggioranza. Valuteremo i provvedimenti uno per uno. E il nostro unico obiettivo sarà quello di tutelare il lavoro dei siciliani”. A parlare è Luca Sammartino, giovane deputato catanese eletto tra le fila dell’Udc scelto per guidare il nuovo gruppo sorto all’Ars, “Articolo 4”.

“Una bella responsabilità - racconta Sammartino – adesso dobbiamo rimboccarci le maniche e pensare a lavorare”. Una scelta che ha anche un chiaro significato simbolico, quella di Sammartino, così come quella della vice-capogruppo, l’ex Cantiere popolare Valeria Sudano: “Quello che abbiamo creato oggi è un vero e proprio patto generazionale. Tutti parlano di giovani, ma il nostro gruppo ha deciso di crederci veramente. Cosa ci accomuna? Certamente una tradizione politica in partiti moderati”.

Ma il nodo, adesso è ovviamente quello dei rapporti con la maggioranza che sostiene il governo Crocetta: “Da adesso – spiega Sammartino – non ci sentiamo vincolati alla maggioranza. Voteremo gli atti uno per volta, tenendo come nostro punto di riferimento il rilancio dell’occupazione in Sicilia. Da troppo tempo, infatti, si parla di tutto, tranne che di lavoro. Dobbiamo pensare a questo. Il resto, al momento, ci interessa di meno”.

Ma al di là della prudenza del nuovo capogruppo, la "mossa" dei deputati di Articolo 4, ovviamente, potrebbe creare una serie di effetti a catena. Intanto, togliendo i numeri alla maggioranza di Rosario Crocetta, già molto risicata. Poi, certamente, facendo dimagrire la rappresentanza all'Ars dell'Udc, che scende a dieci deputati, pur vantando tre assessori in giunta. Una questione che potrebbe essere sollevata dagli altri attuali alleati.

A dire il vero, però, la nascita di “Articolo 4” avrà una ricaduta pratica immediata, alle Comunali di Catania: “Siamo pronti a sostenere, con la nuova forza politica il miglior candidato? Chi sarà? Vedremo – spiega Sammartino – di certo, Caserta ci sembra un ottimo aspirante primo cittadino. Bianco? In questo momento non escludiamo niente”. Il movimento si presenterà già alle amministrative di giugno, "in tutta la Sicilia", spiega Lino Leanza, che sarà seguito da amministratori locali a lui vicini di altre province.