Live Sicilia

Marsala

Truffa sulle energie alternative
Chieste otto condanne


Articolo letto 7.823 volte
antonino scimemi, truffa, unione europea, Cronaca, Trapani
Antonino Scimemi

Si tratta del processo scaturito dall'operazione della "Energia pulita", che il 22 ottobre 2007 sfociò nell'emissione di misure cautelari per associazione a delinquere finalizzata alla truffa all'Ue. La pena più severa è stata invocata per Antonino Scimemi (nella foto).

VOTA
3.5/5
2 voti

MARSALA (TRAPANI) - Condanne tra i 3 e gli 8 anni di carcere sono state invocate dal pm Antonella Trainito per 8 imputati del processo, in corso davanti al Tribunale di Marsala, scaturito dall'operazione della Guardia di finanza "Energia pulita", che il 22 ottobre 2007 sfociò nell'emissione di misure cautelari per associazione a delinquere finalizzata alla truffa all'Ue. La pena più severa il pm l'ha invocata per Antonino Scimemi, di Salemi (TP), mentre 7 anni e 4 mesi sono stati chiesti per De Cesare Sala, di Gibellina (TP), 7 anni per Salvatore Renda, 6 anni e 8 mesi per Paolo Nassano, di Ameglia (SP), 5 anni per Francesco Sorrentino, 4 anni per Anna Mari Johansen, 3 anni ciascuno per Sebastiano Cocola, di Siracusa, e Salvatore Angelo, di Imola. Secondo l'accusa, sarebbero "indebiti" i finanziamenti europei percepiti per la realizzazione di impianti industriali per la produzione di energia attraverso le biomasse (trasformazione di scarti di macellazione, carcasse animali, rifiuti vegetali e ospedalieri). Per Procura di Marsala e Fiamme Gialle, la truffa avrebbe fruttato all'organizzazione oltre 20 milioni di euro.