Live Sicilia

la moglie del magistrato

È morta Agnese Borsellino

Domenica 05 Maggio 2013 - 11:16
Articolo letto 24.033 volte

SEGUI

di ROBERTO PUGLISI Si è spenta Agnese Piraino Leto, moglie di Paolo Borsellino, assassinato dalla mafia il 19 luglio del 1992. A darne notizia il fratello del magistrato, Salvatore, con un post su Facebook: "E' morta Agnese. E' andata a raggiungere Paolo. Adesso saprà la verità sulla sua morte".  I funerali sono previsti per domattina alle 9.30 nella chiesa di S. Luisa di Marillac, la stessa dove si svolsero le esequie del magistrato ucciso nella strage di via D'Amelio. Il nostro ricordo e la storia d'amore con Paolo.

Condividi questo articolo

VOTA
2.9/5
31 voti
agnese borsellino, agnese borsellino morte, Agnese Piraino Leto, moglie paolo borsellino morta, morta agnese borsellino
PALERMO - Si è spenta Agnese Piraino Leto, moglie del magistrato Paolo Borsellino, assassinato dalla mafia il 19 luglio del 1992. A darne notizia il fratello del magistrato, Salvatore, con un post su Facebook: "E' morta Agnese. E' andata a raggiungere Paolo. Adesso saprà la verità sulla sua morte".

Addio, Agnese
La penultima notizia di Agnese Borsellino è un sorriso sbocciato su un letto di troppo dolore. L'avevamo appresa qualche giorno fa. Agnese era in preda a spasmi lancinanti, provocati dalla sua malattia, tanto che aveva cominciato la morfina. Non avrebbe voluto. Il suo desiderio era la lucidità fino all'ultimo. A una donna capace di sopportare sulla sua carne la strage di via D'Amelio cosa può fare di peggio la morte?

Abbiamo saputo che Agnese Borsellino non c'è più alle undici di questa domenica di maggio, con un sms di Luigi Furitano, anima del gruppo nato a suo sostegno. Un messaggio intenso e secco: "Agnese ci ha lasciati". Subito dopo ho chiamato Manfredi, che onora chiunque accetti come amico. E lui mi perdonerà se riferisco qualche brandello di una conversazione privata. E' necessario per testimoniare ancora una volta la semplice grandezza dei figli e della moglie di Paolo. "Sono a Bologna per un intervento urgente alla spalla. Mai sarei andato via da Palermo. E' stata mamma a convincermi. Ha detto che avrebbe aspettato il mio ritorno. Ci siamo detti tutto. Ci siamo detti quanto ci vogliamo bene. Siamo sereni".

La serenità è un patrimonio conquistato a fatica, col sudore e col sangue, da una grande famiglia perbene. Quando un Borsellino muore, nel suo letto o su una strada fino a quel momento nota solo agli esperti di toponomastica, ci sono uomini dal cuore umile e pulito che piangono sinceramente, perché avvertono la portata di uno smarrimento immenso. Ci sono altri che non cessano la persecuzione. Quanti sassi in faccia ha dovuto e deve sopportare Lucia, sorella di Manfredi. Ha costruito presente e futuro, nonostante via D'Amelio. Si è fatta avanti con forza. Eppure le fanno pesare il cognome. La insultano alla stregua di una privilegiata, di una che ha avuto la rara fortuna di ricomporre il corpo in brandelli di suo padre.

Nemmeno Agnese, nonostante un cammino appartato, è stata del tutto risparmiata dalla superficialità e dalla meschinità. Uno striscione dedicato a lei non ha passato, di recente, il controllo della polizia a San Pietro. La Signora lo aveva chiesto come grazia residuale. Le sarebbe piaciuto, a congedo vicino, leggere il suo nome su un pezzo di stoffa, nella piazza festante e raccolta per ascoltare le parole di un grande Papa. Non le è stato concesso. E qualcuno ha commentato: "Giusto, non si fanno disparità per il cognome". Ora gli autori di tali commenti sanno che ad Agnese morente è stato negato qualcosa, una volta di più.

Agnese Borsellino è stata messa davanti allo scenario di un indimenticabile diciannove luglio. Da allora, ha testimoniato amore, ha cresciuto i suoi figli e si vede che sono figli di Paolo e di Agnese. Ha coltivato il suo silenzio con dolcezza, senza rancore, senza odio, abbracciando il dolore. Ha saputo sorridere dal suo letto di spasmi e morfina. E adesso sorridiamo anche noi, nel suo ricordo.

La nota diffusa dai figli
"Stamattina se n'é andata la signora Agnese Borsellino. I figli desiderano che oggi sia un momento di preghiera strettamente privato nel rispetto di una perdita che ha una dimensione prima di tutto familiare". E' quanto si legge in una nota diffusa dai figli della vedova di Paolo Borsellino - Lucia, Manfredi e Fiammetta - che invitano al rispetto del loro dolore chiedendo di considerare questo come un momento strettamente privato. I funerali sono previsti per domattina alle 9.30 nella chiesa di S. Luisa di Marillac, la stessa dove si svolsero le esequie del magistrato ucciso nella strage di via D'Amelio. "La Fondazione intitolata a Paolo Borsellino e a tutte le vittime della mafia - conclude la nota - ha messo a disposizione la mail info@progettolegalita.it per raccogliere eventuali messaggi di testimonianza di affetto e considerazione per la Signora Agnese che non ha mai smesso di chiedere, insieme ai figli, che sia fatta verità e giustizia".
Ultima modifica: 06 Maggio 2013 ore 07:42



GEOTAG

Segnala il commento