Si è ribellato al pizzo, ha risposto picche a chi voleva imporgli la protezione dei boss, gli hanno bruciato le macchine parcheggiate nella sua concessionaria di Altavilla Milicia. Gianluca Maria Calì ha deciso di restare in Sicilia nonostante tutto. E ora ha una difficile missione da compiere: vendere il fuoristrada confiscato a Massimo Ciancimino. (di Riccardo Lo Verso e Giada Lo Porto)