Il volume scritto dall'ex capo della polizia di Stato, morto lo scorso 20 marzo, rappresenta un canto d'amore per la città di Palermo: un posto in cui "ogni poliziotto può vedere un pezzetto di se stesso", ha detto la vedova Manganelli.