I nove ettari di terreno del parco sono sommersi da cicche di sigarette, cartacce e sentieri impraticabili anche per gli amanti dello sport. I volontari: "Bisognerebbe considerare il verde un bene prezioso che ci appartiene".