Salvatore Borsellino è stato escluso dal processo sulla presunta trattativa tra Stato e mafia insieme alle Agende rosse e a Rifondazione comunista. "La trattativa ha accellerato la strage di via d'Amelio", dice il fratello del magistrato ucciso il 19 luglio 1992 "Il vedermi escluso nel momento in cui la trattativa è in ambito giudiziario acuisce la mia rabbia".