La polizia perquisisce lo studio di un penalista palermitano. Forse alla ricerca di una pistola. Stefano Giordano, difensore del giovane avvocato, attacca: "Violate le procedure. Mi sentivo a Bogotà". Il caso si sposta al consiglio dell'Ordine.