Live Sicilia

Miccichè

"Sono stato cocainomane
Ma non rinnego nulla"


Articolo letto 7.645 volte

La confessione di Miccichè.


cocaina, cocainomane, confessione, droga, micciché, Politica
Gianfranco Miccichè
PALERMO- "Non sono più cocainomane. Lo sono stato quando ero ragazzo ma l'ho sempre ammesso. Avevo vent'anni e c'era la contestazione. Non rinnego nulla". Lo dice Gianfranco Micciché, sottosegretario alla Funzione Pubblica, a La Zanzara su Radio 24. Poi Micciché attacca Roberto Saviano che recentemente lo ha definito 'cocainomane' e 'ricattabile': "Dice delle assurdità - spiega Micciché - perché non c'é niente di nuovo, ho sempre detto di aver fatto delle minchiate da giovane. Non ho dipendenze come dice lui. ma non voglio rispondergli, è una persona non così onesta intellettualmente come professa di essere, non me ne frega niente. Lui sarà ricattabile, non io".

"A Marcello Dell'Utri devo tanto nella vita, non rinnego nulla. C'é chi pensa che lui sia un mafioso ma io non ci credo. Se condannato sarebbe un'assurdità". Lo dice Gianfranco Micciché, sottosegretario alla Funzione Pubblica, a La Zanzara su Radio 24. "Non credo - aggiunge Micciché - che Dell'Utri si sia interessato alla mia nomina. Comunque il reato di concorso esterno in associazione mafiosa non va eliminato, anzi dovrebbero aumentare le pene per chi è mafioso. Però va riscritto perché è un reato che non esiste nel codice, così com'é adesso non va".