Live Sicilia

il senatore di grande sud

Ferrara multato si arrabbia:
"Esigo il saluto militare"


Il senatore Mario Ferrara avrebbe prima preteso il saluto militare e poi minacciato di riferire la vicenda al prefetto.

VOTA
2.8/5
6 voti

mario ferrara, palermo, polizia municipale, via emerico amari, Palermo
Il senatore Mario Ferrara
PALERMO – Quello allestito lo scorso sabato in via Emerico Amari era un consueto posto di blocco delle forze dell’ordine che però si è trasformato in teatrino quando ad essere fermato è stato il senatore Mario Ferrara.

Il fatto, ricostruito da ‘la Repubblica’, avrebbe avuto infatti come protagonisti il senatore in quota Grande Sud rieletto alle scorse politiche 2013 e due agenti di polizia. Secondo la ricostruzione gli agenti lo avrebbero fermato per un controllo di routine mentre guidava la sua Audi A4.

Il senatore a questo punto avrebbe consegnato patente e libretto per poi vedersi contestare ben due infrazioni: la mancata esposizione del tagliando assicurativo e la mancata revisione del veicolo, scaduta nell’aprile dello scorso anno. Da qui, ha avuto inizio il teatrino. “Le dobbiamo contestare due contravvenzioni al codice della strada", così gli agenti  – ricostruisce ‘la Repubblica’ secondo il rapporto stilato dai due agenti e poi consegnato al loro superiore -. "Sono un Senatore della Repubblica ed esigo il saluto militare”, avrebbe detto in tutta risposta Ferrara.

In via Emerico Amari sarebbe poi arrivato anche un funzionario della Questura che, per placare gli animi, avrebbe chiesto ai due agenti di fare il saluto militare nonostante vi sia un preciso decreto del Presidente della Repubblica risalente al 1985 che non prevede gli onori militari ad un senatore. Ma Ferrara non si sarebbe fermato lì ed avrebbe minacciato di chiamare il prefetto per raccontare cosa stava accadendo in quel momento. I poliziotti, dal canto loro, avrebbero invece riportato tutto per iscritto nel loro rapporto concludendo la vicenda con una multa di 200 euro per le due contravvenzioni.