Live Sicilia

La decisione

Leontini, Minardo, la presunta truffa
No al sequestro dei beni


inps, leontini, minardo, no sequestro dei beni, presunta truffa, Ragusa
Innocenzo Leontini e Riccardo Minardo

I giudici iblei si sono uniformati alla decisione assunta in precedenza dal gip di Modica Maria Rabini, che aveva rigettato pure la richiesta di custodia cautelare per la restrizione della libertà personale.

VOTA
0/5
0 voti

MODICA (RAGUSA)- E' stata rigettata dal tribunale della libertà di Ragusa la richiesta del procuratore Francesco Puleio del sequestro di beni ad Innocenzo Leontini e Riccardo Minardo per la presunta truffa all’Inps di mezzo milione di euro, l’equivalente dei beni patrimoniali per cui la procura aveva avanzato la richiesta di sequestro. I giudici iblei si sono quindi uniformati alla decisione assunta in precedenza dal gip di Modica Maria Rabini, che aveva rigettato pure la richiesta di custodia cautelare per la restrizione della libertà personale. Anche in questo caso Puleio si è appellato ai giudici del tribunale della libertà di Catania, la cui decisione si conoscerà il prossimo 26 giugno.

(Fonte ANSA)