Live Sicilia

Lo scandalo Ici e abusi edilizi

Idem, giorno cruciale
Letta: "No a doppi standard"


enrico letta su josefa idem, in mezz'ora lucia annunziata, josefa idem, josefa idem abuso edilizio, josefa idem ici non pagata, ministro pari opportunità, possibili dimissioni idem

Il neoministro alle Pari opportunità - accusato di abuso edilizio e mancato pagamento dell'Ici - attende oggi una decisione del premier Letta, che leggerà tutte le carte prima di parlare

VOTA
0/5
0 voti

ROMA
Lunedì cruciale per Josefa Idem: il ministro delle Pari Opportunità é infatti al centro della bufera per presunti abusi edilizi e Ici aggirata. "Nel pomeriggio incontrerò la ministra Idem parleremo e poi insieme decideremo che fare", ha annunciato il premier Enrico Letta, nel corso della trasmissione della domenica di Lucia Annunciata, "In mezz'ora". Il presidente del Consiglio ha precisato di non aver visto "tutte le carte" e che vuole vederle tutte e che bisogna "essere garantisti e garantire opportunità e rispetto delle regole" come "elemento chiave del nostro governo". Ma "nessun doppio standard".

E intanto c'é anche all'interno del Pd chi critica la Idem per non aver già rimesso il mandato nelle mani di Letta: "Della ministra Idem non convince soprattutto la frase non lascio" - ha scritto il presidente della Toscana Enrico Rossi sul suo profilo Facebook - "Avrebbe dovuto dire penso di essere onesta, ma rimetto il mio mandato nelle mani del Presidente del Consiglio. Sta a lui decidere. In politica si fa così".

Paradossalmente ad essere più morbido con la Idem è stato il capogruppo Pdl alla Camera Renato Brunetta: "La vicenda del ministro Idem? Io sono un garantista all'ennesima potenza, contrariamente ai miei colleghi del Pd che nel passato si sono infilati in ogni strumentalizzazione", ha affermato in una intervista a SkyTg24 "Io non faccio strumentalizzazioni rispetto le persone, rispetto anche gli errori delle persone. Chi non ha mai fatto un errore nella denuncia dei redditi? Chi non ha mai fatto un errore sull'Imu? Chi non ha mai fatto un errore sull'Iva? Quindi io non sarei per dare la croce in testa a questo o a quel ministro, è un gioco che non mi appassiona, che non ho mai fatto e che non farò mai".