Live Sicilia

La controsfilata

In strada sfila un "Family pride"
Critiche anche per Romeo


I manifestanti: “Non deve essere leso il concetto sacro fondato su marito, moglie e prole”

VOTA
4.1/5
9 voti

corteo famiglie, family day, family pride, palermo
PALERMO – “Siamo qui per contestare le leggi che il comune e la Regione stanno facendo contro la famiglia. Non abbiamo nulla contro i gay, perché Dio ama gli omosessuali ma non ammette l'omosessualità”. A parlare è un esponente della comunità evangelica che ha preso parte alla “Marcia per la famiglia” che si è tenuta questo pomeriggio davanti la sede dell'assemblea regionale siciliana. Un flash mob, dei balli e dei canti per ricordare che la famiglia è quella formata da un uomo e una donna e non da due donne o due uomini. Cattolici ed evangelici uniti nell'affermare che 'le leggi che questo governo sta approvando non vanno bene perché sovvertono le leggi di Dio'. Una delegazione di 150 persone ha nel frattempo incontrato i parlamentari siciliani per chiedere loro che intenzioni e che progetti hanno riguardo al sostegno delle famiglie. “Non deve essere leso il concetto sacro fondato su marito moglie e prole”, hanno affermato i manifestanti.

Una manifestazione organizzata pochi giorno dopo il Gay Pride al quale ha preso parte il presidente della Regione e al quale sono state lanciate delle critiche. “Perché spendere un sacco di soldi per organizzare una manifestazione del genere mentre quegli stessi soldi potevano essere distribuiti alle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese?”, si chiedevano i manifestanti.

  “Questa manifestazione nasce in risposta al gay pride. Non è qualcosa contro qualcuno ma è a favore della famiglia naturale – ha affermato un esponente della comunità cattolica - Si intende dare rilevanza sociale alla famiglia. Cercare di far sì che sia la Chiesa cattolica che il parlamento siciliano riconoscano che bisogna difendere la famiglia naturale in maniera concreta”.

 Le critiche arrivano anche per il cardinale Romeo che secondo i manifestanti dovrebbe avere più coraggio nel difendere la famiglia naturale.