Live Sicilia

L'annuncio

Si dimette Polizzotto:
"Non per le indagini"


Polizzotto, negli ultimi giorni, era stato indagato per truffa e abuso d'ufficio in merito ad alcuni incarichi assegnati alcuni anni fa all'Ospedale Cervello.

VOTA
3.5/5
11 voti

crocetta, dimissioni, polizzotto, si dimette polizzotto, stefano polizzotto
PALERMO- "Torno a fare l'avvocato". Poche parole, per confermare la scelta di dimettersi da capo della segreteria tecnica del presidente della Regione Rosario Crocetta. Stefano Polizzotto lascia così la guida di uno degli uffici di staff del governatore. Uno dei più stretti collaboratori di Crocetta, fin dai tempi della corsa a sindaco di Gela. Una poltrona conquistata anche grazie a un ricorso nei confronti dell'allora rivale Scaglione. Polizzotto, negli ultimi giorni, era stato indagato per truffa e abuso d'ufficio in merito ad alcuni incarichi assegnati alcuni anni fa all'Ospedale Cervello.

Polizzotto, secondo gli inquirenti, avrebbe ottenuto un "vantaggio patrimoniale" legato al conferimento di due incarichi prosessionali da 82mila euro complessivi. Incarichi che sarebbero stati "ingiustificati". Oltre a Polizzotto, sono indagati anche tre dirigenti dell'ospedale Cervello. Adesso la Procura si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per i reati di abuso d’ufficio e truffa. L’avviso di conclusione delle indagini, firmato dal sostituto procuratore Gaetano Paci, è stato notificato oltre che a Polizzotto anche a Francesco Falgares, ex manager del Cervello, a Roberto Colletti, ex direttore amministrativo e Giuseppe Ferrara, ex direttore sanitario del Cervello e oggi al San Raffaele Giglio di Cefalù.

 Altre dichiarazioni di Polizzotto.
"Si, mi sono dimesso ma non per l'indagine a mio carico che considero irrilevante e dalla quale mi difenderò davanti alla magistratura". Lo dice l'avvocato Stefano Polizzotto confermando di avere lasciato l'incarico di capo della segreteria tecnica del governatore Rosario Crocetta.