Live Sicilia

Messina

Il sindaco toglie i tornelli
e al Comune entra un cane


cane, messina, palazzo zanca, renato accorinti, tornelli, Messina
Un cane negli uffici del Comune di Messina

Il primo cittadino, Renato Accorinti, fa disinstallare i tornelli a Palazzo Zanca, dove è entrato anche un cane al guinzaglio.


MESSINA - "Se Accorinti entra al Comune con il cane, io ci porto il cavallo". Siamo soltanto all’inizio, ma già si annuncia un clima surreale a Palazzo Zanca, dove il nuovo inquilino fa già discutere per alcune decisioni assunte. L’atro ieri, il sindaco Renato Accorinti, ha deciso di eliminare le barriere di vetro (i tornelli d’ingresso), che impedivano il libero accesso al Comune, e negli uffici è entrato anche un cane.

L’azione è stata plateale al punto che un consigliere comunale, appena eletto, ha chiesto al Comandante dei vigili urbani se vi fosse un provvedimento di giunta. Il consigliere del Pdl, Giuseppe Trischitta, ha battibeccato con il comandante Ferlisi al punto che oggi è arrivato il chiarimento da parte del consigliere. "Non ce l’avevo col sindaco, ho solo chiesto se vi fosse un provvedimento e il comandante dei vigili mi ha risposto in maniera sgarbata". Dopo l’eliminazione dei tornelli a Palazzo Zanca è entrato di tutto, anche un cane. "Se Accorinti entra con i cani – ha detto Trischitta – allora vorrà dire che mi sento autorizzato a entrare con un cavallo".