Live Sicilia

LA MOSTRA-MERCATO a villa filippina

“Artigiani sotto le stelle”
Rivivono gli antichi mestieri


Una due giorni all'insegna della cultura, della tradizione e dell'artigianato per promuovere le eccellenze artigianali presenti nell'Isola.

VOTA
4.8/5
5 voti

artigiani, mostra mercato, villa filippina, Palermo
PALERMO - Gli antichi mestieri rivivono nello splendido scenario di Villa Filippina. Tra gli alberi e i sentieri del locale ha preso il via la mostra “Artigiani sotto le stelle”, una vetrina promozionale organizzata all'associazione Artigianando che vanta tra gli espositori oltre trenta maestranze palermitane.

Due serate all'insegna della cultura e della tradizione che intendono porre sotto i riflettori le eccellenze artigianali presenti nell'Isola. “Il progetto nasce per rilanciare, in un periodo di forte crisi, un concetto fondamentale – a parlare è Luca Tumminia, direttore artistico della mostra - la forza di un popolo si basa sulla propria creatività manuale e grazie alle eccellenze presenti possiamo rilanciare le sorti della nostra terra”.

Una ghiotta occasione per far rivivere storia e arte, luci e colori. E così ecco prendere forma ceramiche intarsate, bambole di stoffa, bijoux decorati con cura, borse varipinte e orecchini realizzati con la tecnica del chiacchierino. “Sono state la creatività, la voglia di fare, l'emozione di far rivivere passione e arte tramite gli oggetti presenti a rendere possibile questa vetrina espositiva – afferma con parole accorate Patrizia Billitti, una delle hobbiste presenti - Si dovrebbe dare più spazio alle maestranze presenti in tutta la Sicilia. Ad oggi non c'è un mercato aperto e gli antichi mestieri rischiano sempre più di finire nel dimenticatoio e scomparire del tutto”.

Gli artigiani presenti concordano tutti su un punto: “Bisogna rilanciare la cultura visiva e manuale come studio del passato che rivive e si interseca al presente e al futuro – dichiarano - un settore tanto proficuo in tempi remoti deve essere valorizzato e incoraggiato”. L'esposizione sarà visitabile sino a domenica 30 giugno (dalle 17.00 alle 24.00).