Live Sicilia

il presidente dell'aiop

Sanità privata, Cittadini:
dalla Corte cifre errate


aiop, cittadini, corte dei conti, regione, rosario crocetta, Politica
Il presidente dell'Aiop, Barbara Cittadini

Il presidente dell'Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata, Barbara Cittadini, si dice sorpresa dai dati contenuti nella relazione della magistratura contabile.

VOTA
2.3/5
3 voti

PALERMO - "Nel 2012 la Regione ha speso per le prestazioni sanitarie delle cliniche private 462 milioni e non 702". Lo dice Barbara Cittadini, presidente dell'Aiop, l'associazione italiana ospedalità privata in Sicilia che si dice sorpresa dai dati contenuti nella relazione della Corte dei Conti sul bilancio della Regione Siciliana, presentata venerdì a Palermo.

"In base a quanto riportato, la spesa ascrivibile alle cliniche private continuerebbe ad aumentare ma, quanto asserito, non corrisponde alla realtà - afferma -. Nella valutazione saranno stati considerati costi e dati riferibili a strutture differenti da quelle delle nostre". Nell'anno 2011, con il decreto assessoriale n. 1179/11, il tetto di spesa attribuito alle case di cura private accreditate, che operano sul territorio regionale, infatti, è stato di euro 461.975.000 mentre nel 2012, il decreto assessoriale del 9 agosto 2012, fissa il tetto di spesa in euro 461.920.000. Dal 2008, peraltro, contrariamente a quanto avveniva in passato, l'assessorato della Salute non ha più riconosciuto alcun extrabudget alle case di cura. "L'incremento di spesa registrato non è, quindi, imputabile all'ospedalità privata - conclude - In questi anni, le case di cura private accreditate hanno dovuto affrontare i sacrifici strutturali ed economico - finanziari imposti dal Piano di rientro 2007/2009 e dal Progetto operativo 2010/12, dando un importante contributo al risanamento dei conti della Regione Siciliana. In termini finanziari le cliniche private hanno subito una riduzione di risorse, nel triennio 2007/2009, di circa 150 milioni di euro".