Live Sicilia

Marsala

Truffa sulla disoccupazione
Tre arresti a Marsala

Mercoledì 03 Luglio 2013 - 14:17
Articolo letto 3.425 volte

SEGUI

Indagine a Marsala (nella foto il procuratore Alberto Di Pisa) su una presunta truffa ai danni dell'Inps. Domiciliari per tre dirigenti sindacali: Giacomo e Pier Nicola Abrignani, 61 e 37 anni, e Giacomo Passalacqua 71 anni.

Condividi questo articolo

VOTA
1/5
1 voto
arresti domiciliari, caf, inps, marsala, truffa, Cronaca, Trapani
Alberto Di Pisa
TRAPANI - Un’azienda “cartiera” di documentazione falsa, un paio di esperti sindacalisti, centri Caf a disposizione. Tre le persone arrestate dalla Finanza tra Marsala e Petrosino, autori di una presunta truffa ai danni dell’Inps. Una ventina gli indagati raggiunti da avvisi di garanzia, che sarebbero secondo gli inquirenti i beneficiati della truffa. A illustrare i particolari dell'indagine è stato stamattina nel corso di una conferenza stampa il procuratore di Marsala Alberto Di Pisa. L’Inps tra il 1998 e il 2011 ha erogato alla ditta di Vincenzo Chirco, nel frattempo deceduto, indennità di disoccupazione per soggetti che non solo non erano disoccupati, addirittura non avevano mai lavorato e comunque non avevano diritto a riscuotere queste somme. Una truffa che sarebbe maturata nell’ambito del comparto agricolo.

Gli arrestati, ai quali sono stati concessi i domiciliari, sono Giacomo Passalacqua di 71 anni, Giacomo Abrignani di 61 anni e Piernicola Abrignani di 37, titolari dei centri fiscali di assistenza delle Acli e della Cia a Marsala e a Strasatti, frazione della città lilibetana. L'accusa è di falso e truffa. Le Fiamme Gialle hanno indagato sul loro conto nel contesto di una inchiesta coordinata dal sostituto della procura di Marsala Scalabrini. Addirittura si è scoperto che la ditta intestata al defunto Vincenzo Chirco in pratica esisteva solo sulla carta, e il raggiro ammonterebbe a circa 430 mila euro, 350 mila euro sono le indennità di disoccupazione erogate dall’Inps tra il 1998 e il 2011. Insomma uno stipendificio vero e proprio quello scoperto dalle Fiamme Gialle. I lavoratori infatti, 20 in tutto quelli individuati, venivano assunti dall’azienda di Chirco e in poco tempo licenziati per acquisire l’indennità di disoccupazione.
Ultima modifica: 04 Luglio 2013 ore 15:36



GEOTAG

Segnala il commento