Live Sicilia

Dopo il viaggio di Francesco

Il miracolo di Lampedusa


lampedusa, miracolo, papa francesco

Storia di un viaggio che ha prodotto prodigi. Uno di quei miracoli umani, fatti di fatica, sudore e sacrificio.

VOTA
3.8/5
8 voti

Non è importante il sorriso di un giorno, se non lascia un'eredità per le notti che verranno. Papa Francesco è stato a Lampedusa. Ha ancorato l'isola a una predicazione di solidarietà e di amore. E quella porzione di mondo è già cambiata, perché il sorriso del Papa sta dando i suoi frutti. Gli sbarchi continuano, le cronache raccontano l'emergenza, i problemi ci sono. Adesso c'è anche il rifiorire della speranza a medio termine.

La sensazione di nuovo la spiega il sindaco, Giusi Nicolini: “C'è maggiore attenzione nei nostri confronti. Ho avuto paura che, passata la visita del pontefice, nessuno avrebbe più parlato di noi. Per fortuna, i riflettori sono rimasti accesi. Sì, le difficoltà sussistono. Ma ci sentiamo meno soli e meno abbandonati”. La stampa nazionale, per esempio, ha riportato in grassetto l'ultimo appello del sindaco: libri e biblioteche per colonizzare un piccolo scoglio che ne è sprovvisto. In altre ere sarebbe parso un delitto, oggi il volume di carta è il residuo, un rimasuglio dell'antichità. Non nasce lo scandalo quando manca. Giusi Nicolini, invece, si è accorta del danno e ha sperimentato la sua proposta: “L’idea ci è venuta qualche mese fa - spiegava il sindaco all’Adnkronos - quante volte siamo costretti a recarci sulla terraferma per comprare un libro. Così ho pensato di lanciare un appello.   Lampedusa non ha una biblioteca e neppure un negozio dove potere acquistare libri – ecco il messaggio -. Voi ci vivreste mai in una città dove non è possibile comprare libri? Io non ci credo! Quindi se in giro per casa avete libri, di qualsiasi genere, che non leggete o avere già letto e di cui volete sbarazzarvi, aderite all’iniziativa”. Le adesioni sono già numerosissime.

La vera differenza sta soprattutto negli sguardi riservati ai migranti. “L'altra sera – spiegano dall'isola – una coppia di turisti milanesi ha deciso di offrire una cena al ristorante ad alcuni extracomunitari. Il clima è diverso. Sono caduti i sospetti per gli uomini che vengono da lontano”. In fondo, il Papa è un uomo che viene da lontano, perciò ha dosato con cura i toni della sua predicazione. Il senso del discorso è stato perfettamente intellegibile: “Chi è il responsabile del sangue di questi fratelli e sorelle? Nessuno! Tutti noi rispondiamo così: non sono io, io non c'entro, saranno altri, non certo io. Ma Dio chiede a ciascuno di noi: 'Dov'è il sangue di tuo fratello che grida fino a me?'. Oggi nessuno si sente responsabile di questo; abbiamo perso il senso della responsabilità fraterna. Siamo caduti nell'atteggiamento ipocrita del sacerdote e del servitore dell'altare, di cui parla Gesù nella parabola del Buon Samaritano. Guardiamo il fratello mezzo morto sul ciglio della strada, forse pensiamo 'poverino', e continuiamo per la nostra strada".

Vibrazioni profonde. Un riferimento all'indifferenza globale verso il dolore della migrazione, alla distanza dei media che relegano disastri e storie di gente che viene dal mare nelle pagine invisibili. Con una ragione editoriale concreta: le vicende degli immigrati interessano a pochissimi, solitari e testardi difensori di diritti civili. I lettori spaziano da Crocetta a Sara Tommasi. Non desiderano che la loro tranquillità sia corrosa dal lutto ininterrotto di un esodo. Questo bisogno di non sapere accomuna i sinceri democratici e i lanciabanane leghisti.

Lampedusa era un luogo triste, la capitale della malinconia, un concentrato di lacrime e scafi spezzati. Non tutto è nuovo. Non tutto è bellissimo. Zatteroni e barconi lambiscono le coste. Però adesso si discute e si scrive di argomenti che portano altrove. L'occhio di Papa Francesco si è posato sullo scoglio disabitato dagli uomini, abitato da extracomunitari o residenti, categorie valutate come estranee ai nostri confini dal sentimento popolare. Si è realizzato un miracolo, senza apparizioni celesti, né santi. Ieri, la narrazione di disastri, ora, i libri.

E quale libro potremmo regalare a Lampedusa? Trattandosi di un'isola, “L'isola del tesoro?”. Non è più tempo di dare spazio ai naufragi. Meglio soffermarsi sul viaggio e sul suo mistero: “Nessun posto è lontano. Se desideri essere accanto a qualcuno che ami, forse non ci sei già?”. Che libro è? Chi indovina vince un'anima. Ma forse la possedeva ancora prima di leggere.