Dei dieci lavoratori della Gesip selezionati dal Comune solo otto si sono recati al lavoro. E di questi otto, solo due persone si sono messe all'opera iniziando a ripulire l’area. Gli altri hanno incrociato le braccia in segno di protesta sin dal primo giorno.