Live Sicilia

DANNO ERARIALE

"Truffa al sistema sanitario"
Messina, dentista condannata


condannata, corte dei conti, dentista, messina, truffa, Cronaca, Messina, Palermo
La sede della Corte dei Conti

Avrebbe ottenuto 180 mila euro di rimborso per prestazioni mai erogate o gonfiate raggirando gli ignari pazienti.

VOTA
5/5
1 voto

PALERMO - Arrestata nel 2011 e interdetta dalla professione per un anno adesso dovrà sborsare 184 mila euro. A tanto ammonta il danno erariale provocato, secondo l'accusa, dall'odontoiatra messinese Maristella Zagami.

Il medico è sotto processo davanti al Tribunale penale con l'accusa di truffa. Avrebbe chiesto e ottenuto dall'Azienda sanitaria di Messina il rimborso per prestazioni mai erogate o gonfiate raggirando 166 ignari pazienti che firmavano, in buona fede, le ricette compilate nello studio dentistico. E così per una semplice ablazione di tartaro o una sola estrazione dentaria spuntavano più di 15 certificazioni per prestazioni odontoiatriche fantasma a carico del Servizio sanitario nazionale.

La vicenda emerse nel 2011, quando i vertici dell'Asp, insospettiti dalla mole di ricette, allertarono i finanzieri. Poi, furono gli stessi pazienti a smascherare il presunto trucco. “Escludo di avere avuto praticate le cure indicate nel prospetto - disse una una donna guardando la prescrizione a sua firma - la dottoressa doveva curare solo un dente. In realtà non ha fatto nulla, si è limitata a mettermi dentro un dente un cotone bagnato in un medicinale. Dopo una serie di volte - proseguiva il racconto - la dottoressa mi ha chiuso il buco con un cementino che dopo una settimana è andato via da solo”.

Da qui la richiesta di giudizio penale immediato per il medico, nel frattempo scarcerata, e la conseguente citazione in giudizio per danno erariale. Davanti alla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti “nessun elemento a discolpa è stato offerto dalla difesa”. Ed è arrivata la condanna inflitta dal collegio presieduto da Luciano Pagliaro.

“La Zagami, in spregio alle più elementari regole deontologiche - si legge nella sentenza - incurante delle effettive necessità dei pazienti, elargiva in una seduta poche e veloci cure, in modo da prolungare i tempi e poter giustificare le copiose ricette relative alla stessa persona e l'ipotetica somministrazione di prestazioni specialistiche complesse, e talora contrastanti”.