Live Sicilia

Il presidente della Camera

"Libero fu ucciso
perché era solo"


Il presidente della Camera e la sua riflessione nell'anniversario dell'omicidio di Libero Grassi.

VOTA
1.3/5
3 voti

anniversario, boldrini, libero grassi, Cronaca
Il presidente della Camera Laura Boldrini
ROMA- ''Libero Grassi non fu ucciso soltanto perché fu un uomo coraggioso ma soprattutto perché era un uomo solo'': così il presidente della Camera Laura Boldrini nell'anniversario dell'omicidio dell'imprenditore siciliano.

''Libero Grassi - sottolinea - era un imprenditore onesto che fece cose normali, come non pagare il pizzo, in un'epoca in cui certe cose normali erano da considerare eccezionali, inaccettabili. Non solo da parte di Cosa Nostra, che non poteva tollerare un esempio così coraggioso e sfrontato, un uomo che andava dicendo pubblicamente 'io non pago'. Le cose normali di Libero Grassi 22 anni fa erano considerate eccezionali anche da molti dei suoi colleghi imprenditori. Così intorno a lui non si creò solo indifferenza ma addirittura ostilità da parte di chi avrebbe dovuto sostenerlo e proteggerlo. Libero Grassi non fu ucciso soltanto perché fu un uomo coraggioso ma soprattutto perché era un uomo solo. La sua morte più di altre - prosegue Boldrini - dimostra che contro lo strapotere mafioso bisogna essere uniti. Sarebbe contento oggi di vedere come la sua Palermo abbia saputo raccogliere la sua eredità con i ragazzi di 'addiopizzo' ma anche con la nascita di 'libero futuro', la prima associazione di imprenditori e liberi professionisti che hanno detto no al pizzo. La strada è ancora lunga e il pizzo continua ad essere uno dei maggiori proventi della criminalità organizzata, ma e' innegabile che la rivoluzione degli onesti sia cominciata, anche grazie a persone come Pina Grassi che instancabilmente in questi anni ha portato avanti la battaglia di legalità iniziata dal marito''.