Live Sicilia

LA BENZINA SFIORA I 2 EURO

Il Codacons:
"Fotografate i listini record"


Articolo letto 990 volte
VOTA
0/5
0 voti

benzina, caro benzina, codacons, consumatori, controesodo, denunce, denunce codacons, governo letta
E' tempo di controesodo e, come da copione, i prezzi della benzina schizzano alle stelle. A denunciarlo è il Codacons che, in queste ore, sta raccogliendo le proteste degli automobilisti in viaggio per far ritorno a casa dalle vacanze. ''Oramai la verde sfiora quota due euro al litro lungo le autostrade del nostro paese - spiega il presidente Carlo Rienzi - in numerosissimi distributori il prezzo alla pompa supera infatti abbondantemente quota 1,960 euro al litro. Il fenomeno dei rincari dei listini di carburanti in occasione delle partenze degli italiani è oramai cosa nota, al punto che la magistratura su esposto Codacons sta indagando sulle speculazioni legate ai prezzi di benzina e gasolio.

"Il governo Letta - prosegue Rienzi - invece di pensare ad ulteriori aumenti delle accise, dovrebbe intervenire per punire con la massima severità i petrolieri, che con i loro comportamenti contribuiscono ad impoverire le famiglie e a ridurre il potere d'acquisto degli italiani". L'associazione invita gli utenti a fotografare i listini record di benzina e gasolio esposti presso i distributori ed inviare le immagini al Codacons all'indirizzo mail info@codacons.it.

Le immagini raccolte dall'associazione saranno poi pubblicate sul sito www.codacons.it e serviranno non solo a scovare i prezzi 'folli' praticati in queste ore, ma anche a testimoniare i rincari rispetto ai listini praticati solo pochi giorni fa, e fungeranno da supporto alle iniziative legali a tutela degli automobilisti attualmente allo studio dell'ufficio legale Codacons.