Live Sicilia

rosario livatino

I miracoli del 'giudice ragazzino'
"Sono guarita dalla leucemia"


Articolo letto 7.156 volte

Una cinquantenne pugliese afferma d'essere guarita dalla leucemia dopo l'apparizione del giudice canicattinese, ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990.

VOTA
5/5
5 voti

agrigento, canicattì, giudice, miracoli, puglia, rosario livatino, Agrigento
Rosario Livatino
AGRIGENTO - Arriva dalla Puglia la notizia che parla di una guarigione di una donna dovuta, secondo la protagonista della vicenda, a Rosario Livatino. La donna in questione ha 50 anni ed era affetta da leucemia e guarita, a suo dire, grazie all’apparizione del giudice canicattinese ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990.

Non è la prima volta che accade un evento del genere, un altro caso è infatti quello del 1993 con un'altra donna donna, Elena Valdetara Canale, che era affetta da una leucemia che l’avrebbe condotta secondo i medici a morire entro un anno e mezzo. La malattia aveva portato la donna, dopo 3 anni, al punto di non essere autosufficiente, fino a quando un giorno gli apparve su un giornale la foto del “giudice ragazzino”, da quel giorno le condizioni della signora Valdetara Canale cominciarono a ristabilizzarsi fino ad arrivare alla guarigione.

Già all’inizio della malattia la signora, di grande fede, aveva visto l’immagine del giudice, pur non conoscendolo, in sogno; in quel sogno premonitore Livatino aveva detto alla donna: “la forza della guarigione è dentro di te, quando la troverai riuscirai a guarire e ad aiutare altri bambini”.

La signora Elena cominciò da quel giorno ad informarsi sul giudice scoprendo che c’era a suo carico l’iniziativa per un processo di beatificazione e una raccolta di testimonianze e documenti sul giudice, presentando così nel ’96 le sue cartelle cliniche testimonianza della guarigione. Nel settembre del 2011, è stato aperto ufficialmente il decreto di canonizzazione e beatificazione di Rosario Livatino, di cui si sta occupando personalmente l’arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro che presenterà la raccolta completa dei documenti a favore della beatificazione, entro il prossimo anno, alla Santa Sede.