Live Sicilia

Caltanissetta

Casa d'appuntamenti nel Nisseno
In manette due donne cinesi


Articolo letto 6.958 volte

Le donne, di 34 e 44 anni, sono state sorprese in una casa d'appuntamento segnalata dai residenti di via Niscemi, insospettiti da un continuo andirivieni di uomini nella zona.

VOTA
4.2/5
5 voti

arresto, caltanissetta, prostitute, Caltanissetta, Cronaca
GELA (CALTANISSETTA) - C'era la fila, come alle casse del supermercato, in via Niscemi a Caltanissetta per essere "ricevuti" da due cinesi che avevano trasformato un appartamento del condominio in una casa per appuntamenti. Ad accertarlo sono stati gli agenti di Polizia che prima di fare irruzione nell'abitazione hanno notato tre uomini in zona, fuggiti alla vista delle volanti, evidentemente in attesa di raggiungere le donne. Il blitz, eseguito nel primo pomeriggio di oggi, ha permesso di identificare due straniere di nazionalità cinese, da alcuni mesi trasferitesi nel capoluogo nisseno dove hanno iniziato a prestarsi sessualmente ed in cambio di denaro. Entrambe sono pluripregiudicate di 34 e 44 anni, note alle forze dell'ordine per reati legati allo sfruttamento della prostituzione e contro il patrimonio.

Sono stati i residenti della zona in più occasioni a rivolgersi alla Polizia per denunciare un sospettoso ed inspiegabile andirivieni di uomini di qualsiasi età ed etnia proprio nei pressi del condominio. Ci sono voluti una serie di appostamenti per far emergere un quadro chiaro della situazione che coincideva con le testimonianze rilasciate agli investigatori dagli abitanti del quartiere e dai condomini. Oggi l'irruzione degli agenti di Polizia nell'appartamento dove sono state colte di sorpresa le due cinesi in abiti succinti ed in compagnia di un uomo, successivamente identificato.

Anche i proprietari dell’abitazione - alcova, che le cinesi avevano preso in locazione, sono stati identificati. Sono ora in corso accertamenti da parte degli inquirenti per verificare se l'affitto pagato sia stato congruo rispetto ai prezzi di mercato. Il blitz, destinato a rilevare ulteriori verità, è stato disposto dal Questore di Caltanissetta Filippo Nicastro, nell'ambito di serrati controlli sul territorio che mirano al contrasto della microcriminalità, dello sfruttamento della prostituzione e del traffico delle sostanze stupefacenti.