Live Sicilia

Sanità

Asp 6, attivi otto presidi
di primo intervento pediatrici


Articolo letto 14.122 volte

Saranno attivi e funzionanti tutti i giorni prefestivi e festivi dalle ore 10 alle 20. Alle strutture si accede direttamente senza alcun tipo di prescrizione.

VOTA
1/5
1 voto

asp 6, punti di primo intervento pediatrici, sanità, Cronaca, Salute
PALERMO - Entreranno da domani (sabato 14 settembre) in funzione a Palermo e provincia 8 Punti di Primo Intervento Pediatrici (PPI – P). Sono strutture che garantiscono l’assistenza ambulatoriale per patologie di “basso livello”, cioè i cosiddetti codici bianchi. Sono rivolte alla fascia di popolazione pediatrica: bambini e ragazzi fino a 14 anni di età o fino a 16 anni se ancora assistiti da Pediatri di libera scelta. Saranno attivi e funzionanti tutti i giorni prefestivi e festivi dalle ore 10 alle 20. Alle strutture si accede direttamente senza alcun tipo di prescrizione. “L’obiettivo – ha spiegato il Commissario straordinario dell’Asp di Palermo, Antonino Candela – è di evitare di intasare i Pronto soccorso, riducendo così i tempi di attesa”. Domani è prevista l’apertura dei Punti di Primo Intervento Pediatrici del: PTA Casa del Sole di Palermo; PTA Guadagna di Palermo; PTA Palermo-Centro di via Turrisi Colonna; del Distretto 33 di Cefalù; del Distretto 34 di Petralia Sottana; del Distretto 35 di Carini; Distretto 37 di Termini Imerese e del Distretto 41 di Partinico.

A regime saranno 14 i PPI pediatrici dell’Asp di Palermo. In programma l’apertura il prossimo 21 settembre del PPI-P del PTA Biondo di Palermo; il 28 settembre del PTA Albanese sempre di Palermo ed il 5 ottobre del Distretto 36 di Misilmeri. E’ stata posticipata, per carenza di adesione di speciali pediatri, l’apertura infine dei PPI-P del Distretto 38 di Lercara Friddi, del Distretto 39 di Bagheria e del Distretto 40 di Corleone. “Il problema – hanno spiegato dall’Unità Operativa Complessa Programmazione ed Organizzazione delle attività di Cure Primarie dell’Asp – è in corso di risoluzione. Si sta procedendo ad interpellare tutti gli specialisti disposti ad effettuare turni presso i Punti di Primo Intervento Pediatrici carenti”.