Live Sicilia

IL DRAMMA DELLA CONCORDIA

Il desiderio di Stefania
"Ritrovare il corpo di mia madre"


Articolo letto 1.574 volte
VOTA
0/5
0 voti

concordia, isola del Giglio, maria luisa Tricarichi, Stefania Vincenzi
ISOLA DEL GIGLIO (GROSSETO) - "A distanza di tempo rivivo con terrore quei momenti. Tornare qui è stato duro ma spero almeno che il corpo di mia madre sia ritrovato". A parlare con la voce rotta dall'emozione è Stefania Vincenzi, 18 anni, la figlia di Maria Luisa Tricarichi, la donna siciliana che risulta ancora dispersa nel naufragio della Costa Concordia.

La giovane è tornata, non senza sofferenza, sull'isola del Giglio, insieme al padre Elio che tenta inutilmente di consolarla. "Mia figlia - spiega - é molto provata: quando ha rivisto la nave è scoppiata a piangere, anche perché ha ripensato a quella tragica notte". Fu infatti la madre della ragazza, che quella sera festeggiava 50 anni e che era in compagnia di un'amica, Luisa Virzì, il cui cadavere fu ritrovato due settimane dopo, a cedere il posto nella scialuppa alla figlia e al fidanzato che riuscirono così a salvarsi.

Stefania e il padre oggi sono tornati davanti a quella nave "maledetta", insieme a Kevin Rebello, fratello dell'altro disperso che era un cameriere di bordo, per lanciare un mazzo di fiori davanti al relitto. "Abbiamo potuto quasi toccare la Concordia e ci sono stati regalati due pezzi di quelle cime che salvarono la vita a centinaia di persone" racconta Elio Vincenzi. La speranza è che adesso venga almeno recuperata la salma di Maria Grazia. "Abbiamo avuto un incontro con la Guardia costiera - dice il marito della donna - ed oggi mi sento ancora più fiducioso".

Anche la figlia Stefania spera, dopo avere annunciato due mesi fa di volere esaudire l'ultimo "desiderio" della madre: la partecipazione alle selezioni di Miss Italia. "Eravamo d'accordo - ha spiegato - che a 18 anni avrei partecipato al concorso e lei mi avrebbe seguito passo passo. Faccio tutto come se lei ci fosse ancora''.