Live Sicilia

Sanità

Il M5S: Villa Santa Teresa
diventi un ospedale pubblico


Articolo letto 3.201 volte

Il portavoce del Movimento 5 stelle all'Ars, Salvatore Siragusa: "Il governo regionale chieda all’Agenzia dei beni confiscati di avere in affidamento la struttura di eccellenza di Bagheria per darla in gestione all’Asp di Palermo".

VOTA
5/5
1 voto

ars, bagheria, movimento cinque stelle, sanità, siragusa, villa santa teresa, Cronaca, Palermo, Salute
BAGHERIA - A seguito della pronuncia della Corte di Cassazione per la confisca irrevocabile di Villa Santa Teresa, da anni in amministrazione giudiziaria, la proprietà passa al patrimonio dello Stato. La posizione del Movimento Cinque Stelle è chiara: “Vogliamo che le quote della società che si occupa di assistenza e diagnostica sanitaria vengano trasferite e date in gestione al pubblico – dichiara il portavoce all’Ars, Salvatore Siragusa -. Chiediamo pertanto che il governo regionale chieda all’Agenzia dei beni confiscati di avere in affidamento tali società per darle in gestione all’Azienda Ospedaliera Pubblica della Provincia di Palermo. Villa Santa Teresa rappresenta un patrimonio economico per Bagheria, per l’intero comprensorio che serve 100 mila abitanti, e più un generale per la Sicilia perchè rappresenta un centro di eccellenza.
Bisogna inoltre salvaguardare i posti di lavoro - continua Siragusa -: la struttura da lavoro a circa 170 dipendenti e non possiamo permetterci l’ennesima emergenza sociale. Anzi, la gestione pubblica della Clinica ci offre l’opportunità per valutare la possibilità di creare un PTE a Bagheria, di potenziare la struttura e di pensare ad una gestione pubblica in cui i nostri giovani medici possano crescere al fianco di primari di esperienza internazionale, ed evitare di “regalare” le nostre strutture alla Rizzoli. Facciamo crescere piuttosto i nostri futuri primari in una struttura d’avanguardia. Incontrerò nei prossimi giorni l’assessore alla Salute e le organizzazioni sindacali per spiegare la posizione del Movimento Cinque Stelle a riguardo e trovare insieme la soluzione più adeguata”.