Sollevato e caricato su una gru il chiosco della famiglia Abbate, cognome storico della mafia palermitana. La struttura, nonostante il sequestro, era ritenuta la base operativa di loschi affari.