Live Sicilia

la relazione al parlamento

Allarme Dia: "Mafia cinese
penetra nel Made in Italy"


Articolo letto 1.513 volte

Nelle organizzazioni criminali cinesi si ravvisa una "forte propensione a penetrare il tessuto economico con modalità apparentemente legali".

VOTA
0/5
0 voti

dia, mafia cinese, parlamento, relazione semestrale
ROMA - Nelle organizzazioni criminali cinesi si ravvisa una "forte propensione a penetrare il tessuto economico con modalità apparentemente legali", per esempio rilevando attività commerciali. Una propensione che non sembra risentire della crisi. Lo si legge nella relazione della Dia al Parlamento sul secondo semestre 2012. Nel documento la Dia parla di un fenomeno di "colonialismo commerciale-finanziario da parte delle organizzazioni asiatiche" che "non si limita alla piccole-medie imprese o a locali filiere di distribuzione, ma interessa vere e proprie holding azionarie", leader in svariati settori del made in Italy