Live Sicilia

Al Teatro Libero

“Bruzda / Il Solco”


Articolo letto 973 volte

Primo appuntamento dell’anteprima della 46° Stagione del teatro di Piazza Marina.

VOTA
0/5
0 voti

palermo, polonia, Teatro Libero, Palermo, Zapping
Ecco il primo appuntamento dell’anteprima della 46° Stagione del Teatro Libero. Di scena la compagnia Scena Plastyczna KUL di Lublino (Polonia), che presenta un lavoro performativo di Leszek Mądzik, “Bruzda / Il Solco”, costruito sulle musiche originali di Arvo Pärt, con Monika Tarajko, Ludwika Mądzik, Leszek Madzik, Adam Brzezowski, Maciej Ciechomski, Kamil Dec, Jarosław Figura e Kamil Witaszak.

Bruzda / Il Solco” è creazione performativa che si colloca tra performance art e teatro. Un progetto organicamente legato alla musica di Arvo Pärt, che è rappresentazione fatta di immagini senza alcun uso di parola, che sviluppano situazioni scandite da una sapiente maestria nell’uso delle luci teatrali. La performance si apre sulla figura di un demiurgo intento ad “inviare”, come dei veri pacchi postali, figure umane reificate.

La loro rianimazione si attua per mezzo di un seme simbolico che richiama in vita gli oggetti-persone morti. Poi al centro della scena un grande tavolo domina le relazioni tra i protagonisti, dapprima presentati dalle Erinni, che svolgono la funzione di narratrici. Un banchetto attorno alla grande tavola cadenza la rinascita e la morte, lo smascheramento e lo svelamento, tra ricerca d’identità e rivelazione. Infine sarà il dialogo tra i commensali di questa simbolica tavola a condurci progressivamente al di là di tutte le illusioni.

Sarà l’autenticità del vissuto a spingere i protagonisti a denudarsi, togliendosi le vesti, togliersi simbolicamente. Il lavoro di Scena Plastyczna è difficile da condensare in poche righe, Mądzik, il creatore e direttore della compagnia, ha detto una volta: "sto pensando per immagini". E forse questa frase caratterizza nel modo migliore i suoi spettacoli, la cui materia non è il “verbo”. Le sue creazioni sono costruite a partire dal buio, con la luce, con la musica e con la presenza dell’attore che è in primo luogo uomo.