Live Sicilia

Stalking

Tormentava l'ex compagna
Domiciliari per un 44enne


Articolo letto 1.897 volte

I poliziotti del commissariato Zisa di Palermo, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 44 anni che non accettava la fine della relazione con la sua ex convivente.

VOTA
0/5
0 voti

palermo, polizia, stalking, zisa, Cronaca, Palermo
PALERMO - I poliziotti del Commissariato Zisa- Borgonuovo, hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, nei confronti di un uomo di 44 anni che, non rassegnandosi alla fine di una relazione sentimentale perseguitava la sua ex convivente. Già qualche mese fa, la donna, una 42 enne, aveva denunciato alla polizia di essere da tempo vittima di atti insistenti da parte dell’ex convivente, con i quali aveva intrattenuto una relazione ormai conclusa. In un primo tempo, l’uomo aveva cercato in modo assillante di riallacciare i rapporti contattandola ripetutamente al telefono, inviando sms al suo cellulare e appostandosi nei pressi della sua abitazione. Così la donna si è rivolta alle forze dell’ordine e ha sporto denuncia a seguito della quale l’uomo veniva perseguito per i reati di minacce ed ingiurie. Malgrado ciò, l’uomo ha continuato a perseguitarla, e le minacce sarebbero aumentato quando avrebbe saputo che la sua ex convivente aveva iniziato una nuova relazione sentimentale. L’uomo ha iniziato anche a pedinare la ex compagna e un giorno mentre la stessa si trovava a bordo della sua autovettura con il nuovo partner, dopo averla a lungo inseguita avrebbe tentato di bloccarla con la propria auto. Provvidenziale in quella circostanza il passaggio di una volante della Polizia. Alla luce di quanto avvenuto il Gip, accogliendo le richieste del pm, sulla scorta di tutti gli elementi probatori forniti dagli investigatori ha emesso un'ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’uomo, indagato per il reato di atti persecutori ex art. 612 bis del codice penale, in pregiudizio della ex convivente.