Live Sicilia

parla napolitano

"Basta sospetto e ostilità
tra politica e giustizia"


Articolo letto 790 volte

In un discorso alla Luiss, il capo dello Stato ha sottolineato che non devono essere "mondi ostili guidati dal sospetto reciproco".

VOTA
0/5
0 voti

giustizia, napolitano, ostilità, Politica
ROMA - Bisogna "spegnere nell'interesse del Paese" il perdurante "conflitto tra politica e giustizia". Lo ha detto il presidente Giorgio Napolitano in un discorso alla Luiss sottolineando che non devono essere "mondi ostili guidati dal sospetto reciproco". "Molto importante è il contributo che ci si deve attendere dalla magistratura" per ridurre il conflitto politica-giustizia. Per questo i "modelli di comportamento" devono sempre essere "equilibrio, sobrietà, riserbo, assoluta imparzialità e senso della misura e del limite". Servirebbe "tra i magistrati un'attitudine meno difensiva e più propositiva rispetto al discorso sulle riforme di cui la giustizia ha indubbio bisogno e che sono pienamente collocabili nel quadro dei principi della Costituzione". Lo ha sottolineato il presidente Napolitano ricordando la figura di Loris D'Ambrosio. "Non c'è nulla di più impegnativo e delicato che amministrare giustizia, garantire quella rigorosa osservanza delle legge, quel severo controllo di legalità, che rappresentano un imperativo assoluto per la salute della Repubblica".