Live Sicilia

dopo le denunce in procura

Caso Formazione, Scilabra:
"Si respira aria nuova"


Articolo letto 6.111 volte
crocetta, denunce, enti, formazione professionale, orto botanico, procura, regione, scilabra
L'assessore regionale alla Formazione, Nelli Scilabra

L'assessore alla Formazione, intervenuta alla presentazione della due giorni della Sifiog all'orto botanico, ha parlato delle recenti denunce in Procura: "questo è il nuovo modo per dare risposte , di avvicinare la politica ai cittadini".

VOTA
3.7/5
10 voti

PALERMO -  Qualche ora dopo la denuncia in Procura del presidente della Regione e dell'assessore alla Formazione, Nelli Scilabra è intervenuta, a nome del governo, alla presentazione della due giorni della Sifiog all'orto botanico. E dopo aver consegnato alla giustizia le carte dell'ennesima ruberia nel mondo della Formazione professionale  si è rivolta alla platea: "Non sentite - ha chiesto - l'aria nuova che si respira?".

“Chissà se quelli che hanno rubato un miliardo nel settore della Formazione negli ultimi anni avevano la consapevolezza di quello che stavano facendo”. Uscita da poco dalla Procura, dove lei e il presidente della Regione hanno denunciato l'ultima ruberia, l'assessore alla Formazione Nelli Scilabra ha presenziato, a nome del governo, al workshop della “Sifiog”, società italiana di Fitoterapia e integratori in ostetricia e ginecologia, che si stava svolgendo all'orto botanico di Palermo.

“Ma oggi è una giornata particolare – ha detto l'assessore davanti alla platea -  stamattina io e il presidente Crocetta siamo stati in Procura e abbiamo denunciato l'ennesimo scandalo, l'ennesima sottrazione di somme che appartengono ai siciliani. Questa volta parliamo di una cifra che si aggira attorno agli 8 milioni di euro, c'è un'ipotesi di distrazione di somme da parte di alcuni enti di formazione, abbiamo recuperato le carte e le abbiamo consegnate alla giustizia, ma non possiamo dire altro, siamo obbligati al segreto istruttorio”.

Qualche ente, insomma, come denunciato già nelle scorse ore dal presidente della Regione, potrebbe avere sottratto delle risorse utilizzandole per scopi diversi da quelli previsti. La denuncia, per l'assessore alla Formazione, è un'ulteriore prova del fatto che “questo governo sta provando a smantellare un intero sistema di malaffare – ha detto la Scilabra – e non so se percepite questa nuova aria che si respira. Per esempio, prima gli assessorati non si parlavano neanche tra di loro, adesso non è così: io collaboro continuamente con l'assessore alla Salute Lucia Borsellino, o con Ester Bonafede, con delega al Lavoro. Nessuno – ha continuato l'assessore – ha mai voluto investire nei giovani di questa Regione, noi invece abbiamo finanziato proprio il 'Piano giovani', con 220 milioni di euro. In più, tra novembre e dicembre faremo partire le graduatorie per partecipare ai corsi di operatori socio sanitari, tra i pochissimi corsi di formazione che rilasciano una vera qualifica di competenza”.

Per la Scilabra è questo “il nuovo modo di dare risposte – ha detto – , di avvicinare la politica ai cittadini, e lo sta facendo questo governo: vedete come tutto è cambiato?”.