Live Sicilia

VIA ARIMONDI

Studenti aggrediti vicino al Garibaldi
"Ci hanno preso a calci e pugni"


Articolo letto 2.500 volte

Un gruppo di ragazzi di Avanguardia Studentesca sarebbe stato picchiato davanti alla succursale del liceo Garibaldi di via Arimondi. "E' gente che non accetta le nostre idee politiche".

VOTA
5/5
2 voti

aggressione, avanguardia studentesca, ospedale, violenza
PALERMO - Raccontano di essere stati aggrediti dopo aver fatto volantinaggio, di essere stati insultati, presi a calci e pugni. Sono i ragazzi di "Avanguardia Studentesca", il movimento degli studenti identitari. In particolare, sarebbero stati tre i giovani finiti nel mirino di un gruppo di dieci persone. A fornire i dettagli della vicenda è il portavoce del movimento, Emanuele Vella, che frequenta il Liceo Garibaldi.

"Ci trovavamo davanti alla succursale di via Arimondi quando è successo qualcosa che non ci aspettavamo. Poco prima - racconta - io e un gruppo di amici eravamo andati davanti al liceo scientifico Cannizzaro per distribuire alcuni volantini, ma una volta tornati a scuola siamo stati sorpresi alle spalle.

Non stavamo facendo nulla, io stavo andando a ritirare dei libri". E sarebbero stati momenti di pura violenza: "Erano almeno in dieci, sicuramente universitari che non accettano le nostre idee politiche. Abbiamo riconosciuto alcuni di loro, ma non siamo ancora sicuri a quale gruppo appartengano.

Di sicuro - aggiunge - è gente che voleva intimidirci. Ma noi non siamo scappati. In due mi hanno sferrato alcuni pugni in faccia, poi sono caduto a terra e nonostante non riuscissi a muovermi hanno continuato ad inveire su di me.

Al momento sono pieno di lividi ed escoriazioni, sto ancora aspettando di essere medicato all'ospedale di Villa Sofia. I miei amici hanno riportato ferite più lievi - sottolinea - ma ciò non rende meno grave l'aggressione che abbiamo subito. Noi ci facciamo intimidire - conclude il giovane - anzi, alla violenza rispondiamo con le nostre idee, la nostra politica e le nostre attività. Entro oggi denunceremo tutto alla polizia".