Live Sicilia

Il parlamentino degli stranieri

Uno studente Tamil di 24 anni
primo candidato alla Consulta


Articolo letto 1.811 volte

Si tratta di Stefano Edward Puvanendrarajah, studente universitario di 24 anni rappresentante comunità Tamil, nato a Palermo. Le candidature si possono presentare fino a giovedì 26 settembre alle ore 12.00, all'ufficio elettorale di Piazza Giulio Cesare.

VOTA
0/5
0 voti

consulta delle culture, giusto catania, leoluca orlando, primo candidato, tamil, Cronaca, Palermo
PALERMO - La Consulta delle Culture ha i suoi primi candidati. Oggi alle ore 8.00, ad apertura dell'ufficio elettorale del Comune, si è presentato il primo candidato. Si tratta di Stefano Edward Puvanendrarajah, studente universitario di 24 anni rappresentante comunità Tamil, nato a Palermo. Le candidature si possono presentare fino a Giovedì 26 settembre alle ore 12.00, all'ufficio elettorale di Piazza Giulio Cesare.

"Siamo contenti del fatto che l'istituzione della Consulta delle Culture stia producendo una grande partecipazione – ha detto l’Assessore Giusto Catania -. Palermo sempre di più diventa città interculturale e il processo democratico che porterà alla nascita della quarta istituzione cittadina sta iniziando nel migliore dei modi. La consulta cambierà Palermo."

"Il mosaico Palermo – ha invece affermato il sindaco Leoluca Orlando - si arricchisce sempre di più ed è interessante scoprire che ci sono tante donne e tanti uomini che amano la nostra città e che si vogliono impegnare per migliorarla. Auguro a tutti i candidati di vivere questa esperienza elettorale come un percorso di crescita individuale e collettiva, per le comunità e per Palermo."

“Oggi è uno dei giorni più belli della mia vita – ha dichiarato Stefano Edward Puvanendrarajah -. È arrivato il momento di rappresentare le seconde generazioni affinché il fenomeno dell'immigrazione possa essere visto con occhi diversi. La consulta delle Culture è una innovazione che apre  una prospettiva interessante per eliminare le differenze. È un dovere che i giovani si impegnino.

Bisogna favorire la partecipazione dei migranti per una Palermo cosmopolita. La comunità Tamil è molto attiva per queste elezioni e parteciperà alle elezioni in massa, presumo che ci saranno anche altri candidati della comunità. Spero che tutte le comunità presenti a Palermo si vogliano mobilitare in modo da far sì che tutti, uomini e donne senza distinzione di genere, possano essere rappresentati dalla Consulta. Chiedo e spero che tra i tanti candidati ci sia competizione ma senza alcuna tensione, perché l'elezione della Consulta è una grande festa per Palermo a cui tutti devono partecipare con gioia."