Live Sicilia

I numeri

Immigrazione, 1.800 migranti
salvati nelle ultime 24 ore


Articolo letto 1.550 volte

L'attività della capitaneria di porto.

VOTA
0/5
0 voti

CATANIA - Più di 1.800 migranti sono stati salvati nelle ultime ore in operazioni di soccorso coordinate dalla centrale operativa del comando generale delle capitanerie di porto - guardia costiera di Roma. Ieri sera sono giunte a Porto Empedocle la Nave Vega della marina militare italiana, con a bordo 86 migranti salvati al largo delle coste siciliane, e la nave mercantile Patria, battente bandiera Antigua e Barbuda, in precedenza dirottata in soccorso di altre 96 persone. Un altro mercantile, il Fuji, di bandiera tedesca, sempre sotto il coordinamento della Centrale Operativa, ha soccorso 117 persone tra cui 16 donne e 6 bambini e ha raggiunto il porto di Augusta la notte scorsa. Inoltre, nel pomeriggio di ieri, la Centrale operativa era riuscita a localizzare altre due richieste di aiuto nel Canale di Sicilia, pervenute tramite telefono satellitare. La prima per un gommone in difficoltà a circa 40 miglia a sud della Sicilia, con 108 persone a bordo, tutte tratte in salvo dalle motovedette della Guardia costiera di Lampedusa. Una terza unità ha invece soccorso 92 migranti su un secondo gommone alla deriva a 30 miglia ad est dell'isola Pelagica. Tutte le persone sono sbarcate nel porto di Lampedusa. Due delle stesse motovedette sono poi ripartite questa notte in soccorso di un gommone con altre 113 persone, tra cui 29 donne e 30 bambini, che erano su un gommone in precarie condizioni di galleggiabilità. Gli occupanti, tratti in salvo dagli equipaggi della Guardia costiera, hanno raggiunto a bordo delle motovedette il porto di Lampedusa stamattina. Nel frattempo, la nave King Julius battente bandiera isole Marshall ha tratto a bordo in acque maltesi 183 migranti che erano alla deriva su due diversi natanti e si sta dirigendo verso il porto di Palermo con arrivo stimato in tarda giornata. Intanto prosegue ininterrottamente il lavoro dei militari della Centrale operativa della Guardia Costiera, al momento impegnata a identificare e localizzare altre richieste di aiuto che arivano dal Canale di Sicilia.