Live Sicilia

spending review

Nuovo rinvio in commissione
La seduta slitta al 2 ottobre


Articolo letto 1.358 volte

La seduta prevista per oggi, che avrebbe dovuto predisporre il disegno di legge di recepimento del decreto Monti sui tagli ai costi della politica, è stata nuovamente rinviata al 2 ottobre. La denuncia del M5S: "Cronaca di una morte annunciata".

VOTA
0/5
0 voti

ardizzone, ars, cappello, commissione spending review, cracolici, palermo
PALERMO - Tutto fermo in commissione spending review dell'Ars. La seduta prevista per oggi è stata nuovamente rinviata, al 2 ottobre. Si tratta del terzo giro a vuoto, tra slittamenti e proroghe, dell'organismo parlamentare che dovrebbe predisporre il disegno di legge di recepimento del decreto Monti sui tagli ai costi della politica, compresa la riduzione delle indennità dei deputati e le spese dei gruppi parlamentari.

La commissione stamani avrebbe dovuto riunirsi per l'elezione del nuovo presidente, dopo le dimissioni di Antonello Cracolici (Pd), e per proseguire l'esame del ddl, arenatosi proprio attorno al taglio delle indennità dei deputati. Due le posizioni in campo: applicare tout court i tagli alle indennità come da decreto Monti e in linea con quanto hanno fatto le altre Regioni (11.100 euro lordi al mese) oppure ridurre le indennità dei deputati mantenendosi nel limite degli 11.100 euro lordi (oggi sono circa 20 mila euro) ma rimanendo agganciati al Senato e dunque con la possibilità di ritocchi in futuro.

I componenti della commissione hanno ricevuto una mail dal vice presidente vicario Mimmo Turano (Udc) con la quale ha informato i commissari del rinvio della riunione. "Cronaca di una morte annunciata", commenta Francesco Cappello, deputato del M5s, e vice presidente della commissione.

La commissione dovrebbe approvare il testo entro il 18 ottobre, termine ultimo assegnato dopo la proroga dello scorso luglio. I tempi a questo punto sono strettissimi. I commissari avranno quindici giorni di tempo per licenziare il ddl: "anche se in realtà basterebbero cinque minuti", dice Cappello. Se non ce la farà entro i tempi prestabiliti, la commissione fallirà gli obiettivi per cui era stata istituita dalla Presidenza dell'Ars. Nel caso di fallimento, il presidente Giovanni Ardizzone ha già detto chiaramente che procederà per via amministrativa con proprio decreto. A quel punto gli articoli del ddl già approvati, sette su dieci, decadranno.

Il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, ha riunito stamattina a palazzo dei Normanni il gruppo di lavoro per l'attuazione del decreto Monti in tema di taglio dei costi della politica. Alla riunione hanno partecipato il segretario generale dell'Ars, Giovanni Tomasello, il capo di gabinetto del presidente, Sebastiano Di Bella, il vicesegretario generale, Salvatore Di Gregorio, il direttore della ragioneria, Domenico Cuccia e il costituzionalista dell'università di Palermo, Giuseppe Verde. Al termine della riunione, il presidente Ardizzone ha deciso di convocare per lunedì prossimo, alle 17, la conferenza dei capigruppo. Al primo punto dell'ordine del giorno, le determinazioni per l'attuazione del decreto Monti. Così come concordato con il presidente della Regione, Rosario Crocetta, che parteciperà alla conferenza dei capigruppo, si discuterà inoltre dell'agenda dei lavori parlamentari, alla luce della delibera della giunta regionale sulle variazioni di bilancio per il 2013.