Live Sicilia

assessorato al Turismo

Patrocini onerosi dalla Regione
Sono 94 le iniziative finanziate


Articolo letto 3.240 volte

Tra le oltre 700 istanze arrivate sul tavolo dell'assessore Michela Stancheris, si è deciso di escludere i privati, tenendo invece conto, piuttosto, della “idoneità della manifestazione a veicolare l'immagine della Sicilia”.

VOTA
0/5
0 voti

assessorato turismo, palermo, patronici onerosi, sicilia, stancheris
PALERMO - Novantaquattro iniziative organizzate da comuni e associazioni no-profit sparsi per tutto il territorio regionale hanno ricevuto il patrocino oneroso dell'assessorato al Turismo. Dalle oltre 700 istanze arrivate sul tavolo dell'assessore Michela Stancheris, si è deciso, però, di escludere i privati, tenendo invece conto, piuttosto, della “idoneità della manifestazione a veicolare l'immagine della Sicilia”, ma anche della necessità di ridurre i bonus concessi, tentando di mantenere equa “la ripartizione territoriale, tematica ed economica”.

Circa 220 mila euro, quindi, sono stati 'spalmati' su di un numero limitato di istanze, assegnando un contributo massimo di 5 mila euro per ognuna delle iniziative. E quest'anno i requisiti per poter accedere a contributo sono diventati più severi. Per ottenere il patrocino della Regione, infatti, era necessario presentare una documentazione che comprendesse il bilancio consuntivo con l'elenco di tutti i documenti giustificativi della spesa dell'intera manifestazione, ma non solo: i 'candidati' hanno dovuto anche fornire all'assessorato una “dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a firma del legale rappresentante, attestante la riferibilità alla manifestazione e la veridicità di tutti i documenti elencati nel consuntivo, oltre che ovviamente l'assolvimento di ogni onere fiscale ed assistenziale”, ha spiegato la Stancheris. Si è riusciti così a trovare, secondo l'assessore, “uno strumento di puntuale verifica della corrispondenza del piano finanziario rispetto alle attività effettivamente realizzate”.

Così, tra le quasi cento iniziative finanziate, sono tante quelle religiose, ad esempio, come la festa del patrono di Alia, i festeggiamenti in onore di S.Maria delle Grazie dell'associazione culturale 'Gli schietti di Terrasini', la festa di San Pietro e la sagra del mare di Sciacca del 'Comitato festa di San Pietro', o i festeggiamenti in onore di Sant'Anna del Comune di Santa Flavia. Tante, anche, le manifestazioni sportive: il diciottesimo trofeo della 'Sicilia sotto rete', dell'associazione 'Papiro volley', il premio internazionale Sicilia 2013 della Sege di Palermo (ente, per altro, rimasto senza finanziamento regionale dopo l'abolizione della Tabella H), o i 'Nebrodi outdoor fest', un weekend di trekking, sport e turismo in montagna del Comune di Longi. Infine, la maggior parte delle iniziative finanziate sono quelle culturali e folkloristiche: dall'Etna in blues al concorso di danza barocca in Sicilia, dalla sagra della spiga del Comune di Gangi al festival regionale del friscaletto. Ma c'è anche la sagra del pesce di Pozzallo, la vendemmia in piazza a Scopello e la rassegna delle bande musicali a Marineo.

La lista sarà presto diffusa dall'assessorato, qui, intanto, quella completa in esclusiva su Livesicilia.