Live Sicilia

Nascerà la cittadella degli argentieri

Piazza S.Domenico senza auto
Intesa Comune-commercianti


Articolo letto 3.059 volte

Tre le novità previste la chiusura della piazza, il doppio senso di circolazione e parcheggi in via Giovanni Meli per consentire ai clienti di raggiungere con più facilità i negozi e la creazione di un marchio dei gioiellieri della zona.

VOTA
5/5
4 voti

agata bazzi, comune palermo, isola pedonale, leoluca orlando, marco di marco, piazza san domenico
PALERMO – Segnali di disgelo tra il Comune di Palermo e i commercianti di piazza San Domenico. A sancire la pace dopo mesi di polemiche è stato un lungo vertice a Palazzo delle Aquile tra il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori al Centro storico Agata Bazzi e alle Attività produttive Marco Di Marco, e i negozianti risultati estranei ai fattacci dello scorso luglio, quando una banda di scalmanati trasformò in un campo di battaglia l'isola pedonale appena creata dall'amministrazione.

Il vertice è stato convocato per andare incontro alle richieste di quei commercianti dimostratisi favorevoli all'isola pedonale a patto di alcuni correttivi. Anche perché nel frattempo turisti e cittadini sembrano essersi abituati in fretta e volentieri alla novità. Dall'incontro è emersa la volontà dell'amministrazione di rendere definitiva la chiusura della piazza con l'installazione di nuovi e più stabili arredi. In piazza Meli verranno ricavati posti auto per i clienti, mentre via Giovanni Meli diventerà a doppio senso di circolazione per consentire il carico e lo scarico delle merci, una richiesta avanzata con forza anche dalla commissione consiliare Attività Produttive. Inoltre sarà creato un marchio specifico dei gioiellieri di piazza San Domenico, previa approvazione del Suap, per promuovere uno degli scorci più belli e scenografici della città.

"Abbiamo incontrato persone molto disponibili e competenti - dichiara a Live Sicilia Enzo Brancato, titolare di una delle gioiellerie, presente all'incontro - e siamo molto contenti di poter lavorare insieme all'amministrazione per far crescere questa città. I cambiamenti non ci spaventano, anzi portano ricchezza ed eravamo noi per primi, a differenza di quanto si è detto, a volere piazza San Domenico chiusa".

“Si è trattato di un incontro estremamente proficuo – ha dichiarato l'Assessore Bazzi – perché ha evidenziato l'interesse di tutti a garantire la massima vivibilità e fruibilità della piazza e delle aree limitrofe, il cui rilancio passa attraverso la possibilità di favorire la presenza di cittadini e turisti”. Il sindaco ha confermato l'irrevocabilità della decisione di pedonalizzare la piazza ma ha rilanciato il progetto di sostenere la naturale vocazione commerciale della zona, attraverso provvedimenti ad hoc. “La proposta dell'amministrazione comunale è quella di creare una 'cittadella degli argentieri', che parta da piazza Meli e che coinvolga anche piazza Sant'Eligio, storica sede degli argentieri, in cui esiste ancora una parte dell’antica chiesa dedicata al loro Santo protettore”. Su piazza Sant'Eligio è già in gara d'appalto un progetto di riqualificazione urbana che prevede la sistemazione della pavimentazione e dell'illuminazione, oltre che l'implemento dei servizi di rete.

“Piazza Meli ospiterà dei parcheggi destinati alle attività dei 24 tra argentieri e gioiellieri lavorano nella zona – ha concluso l'Assessore Di Marco – Inoltre, abbiamo previsto l'organizzazione di eventi e la promozione di questa storica attività artigianale, che ancora conserva le sue tradizioni e la sua vitalità”.

"Sono soddisfatto dell'incontro - dice Paolo Caracausi (Idv) presidente della commissione Attivita' produttive - avevo chiesto che si tenesse i primi di settembbre e avevo ricevuto l'impegno da parte del sindaco che lo ha rispettato, anche se con qualche ritardo. Questa mattina ho partecipato al sopralluogo con i tecnici del Centro storico per concordare con i commercianti gli interventi da effeettuare sulla piazza e su via Meli, nel rispetto dell'impegno assunto dal sindacco circa la destinazione di un'area a parcheggio per i clienti. Auspico che  vengano al piu' presto tolti quegli arredi ormai fatiscenti e che si arrivi a un arredamento consono alla bellezza della piazza".