Live Sicilia

PREVISTE CIRCA CENTO ASSUNZIONI

Le multinazionali del lusso
alla conquista di Palermo


Articolo letto 21.387 volte
Falconeri, lusso, Michael Kors, palermo, tiffany, Twin set

Michael Kors, Falconeri e Twin set apriranno i battenti nei primi mesi del 2014, mentre Tiffany sta valutando quale sia la posizione migliore: ecco come i grandi marchi dei gioielli e dell'abbigliamento vanno alla conquista del "salotto buono" di Palermo. Nonostante la crisi.

VOTA
2.8/5
14 voti

PALERMO - Michael Kors, Falconeri, Twin set e perfino Tiffany: i grandi marchi internazionali del lusso si preparano a sbarcare a Palermo e a conquistare via Libertà. Ancora non c’è nulla di ufficiale, ma i preparativi sono partiti in gran segreto e, almeno per i primi tre, le aperture sono praticamente certe, visto che sono stati già firmati i contratti di locazione. Aperture che arriveranno nei primi mesi del 2014 ma che già fanno ipotizzare la riqualificazione del centro cittadino oltre a decine e decine di assunzioni.

In una città attanagliata dalla crisi, in cui sempre più marchi storici chiudono i battenti, la calata delle grandi firme è ormai una costante: non nei centri commerciali ma nel “salotto buono” di Palermo, considerato dalle multinazionali una posizione privilegiata per la conquista del mercato a cui si rivolgono. Non solo Desigual, Prada e Max & Co., quindi, che hanno già aperto i loro store nel salotto di Palermo (o Italia Indipendent di Lapo Elkann che verrà inaugurato giovedì 3). In città stanno arrivando nuovi colossi che hanno deciso di dare uno schiaffo alla crisi puntando sul capoluogo siciliano.

Partiamo da Michael Kors, la catena che fa capo allo stilista statunitense che ha vestito star del calibro di Jennifer Lopez, Heidi Klum, Catherine Zeta-Jones e Joan Allen. Una multinazionale specializzata nel lusso: dagli orologi alle borse, dalle scarpe agli accessori. Aprirà i battenti a gennaio in via Libertà, al posto di uno storico marchio ormai chiuso da tempo, occupando addirittura più piani e sarà il primo punto vendita del Centro e Sud Italia: attualmente ci sono negozi solo a Milano e nel Veneto, oltre che nelle più prestigiose città estere come Monaco, Parigi, Madrid, Barcellona, Londra, Berlino, New York, Washington, Los Angeles, Sidney e Mosca. Un’azienda capace di fatturare solo nel 2012 1,3 miliardi di dollari che nel 2013 dovrebbero arrivare a 1,8, stupendo gli osservatori finanziari e imponendosi come leader nel proprio settore.

Sempre in via Libertà troverà spazio anche Falconeri, già presente a Catania e Taormina, del gruppo Calzedonia: sono in tutto 45 i negozi in tutta Italia, oltre a quelli di Mosca e San Pietroburgo. Un marchio di maglieria e abbigliamento per uomo e per donna che è in forte espansione. A marzo 2014, invece, toccherà a Twin set, il marchio della stilista Simona Barbieri che tratta borse, calzature, abbigliamento e lingerie: un marchio che di recente è sbarcato in Belgio, Spagna, Germania, Francia e Russia e conta punti vendita in tutta Italia, con i nuovi aperti in pieno centro a Roma e Milano. Il fatturato, nel 2012, ha superato i 140 milioni grazie alle sue boutique d’alta moda.

In totale si tratta di investimenti milionari che, secondo alcune stime, potrebbero arrivare a creare anche un centinaio di posti di lavoro, senza considerare gli eventi che solitamente questi marchi organizzano nelle città in cui sono presenti e la riqualificazione di cui gioverà tutto il centro città. Ancora non ha una data certa, invece, l’arrivo di Tiffany & Co.: alcuni emissari della prestigiosissima gioielleria sono venuti già quattro volte in città per compiere dei sopralluoghi. Luogo e data di apertura sono ancora top secret ma i quattro sopralluoghi effettuati dallo staff che si occupa di scegliere la location sono indicativi dell'interesse che c'è per il mercato siciliano. La storica gioielleria statunitense, che ha ispirato un celebre film con Audrey Hepburn, presente oggi in Italia solo a Roma, Milano, Firenze, Bologna e Verona e che vanta un fatturato da quasi 900 milioni di dollari, sarebbe il fiore all’occhiello di una Palermo sempre più terra di conquista dei grandi marchi del lusso.