Live Sicilia

la crisi a roma

Letta parla mercoledì
Cav: "Governo finito"


Articolo letto 1.406 volte
VOTA
0/5
0 voti

berlusconi, crisi, governo letta, pdl, porcellum, prestigiacomo
ROMA - LA DIRETTA DELLA CRISI

18:30 Silvio Berlusconi alla Camera per la riunione dei gruppi congiunti del Pdl. A palazzo Grazioli c'e' stato un vertice tra Silvio Berlusconi e lo stato maggiore del partito. A via del Plebiscito la delegazione ministeriale del partito guidata da Angelino Alfano. "La decisione di far dimettere i ministri è stata mia". Lo ha detto, a quanto si apprende, Silvio Berlusconi, nel corso della riunione dei gruppi del Pdl. "Dobbiamo restare uniti, non dobbiamo dare all'esterno l'impressione che sta dando il Pd, i panni sporchi si lavano in casa. Quello che hanno fatto i ministri lo hanno fatto in buona fede ma abbiamo chiarito tutto", ha detto, a quanto raccontano, Silvio Berlusconi nel corso della riunione del Pdl. "Per il bene del Paese assicuriamo che in una settimana votiamo la cancellazione della seconda rata Imu, la legge di stabilità, purche' non aumenti la pressione fiscale, la cancellazione dell'Iva e poi torniamo al voto e vinciamo".  Il 4 ottobre si terrà la manifestazione del Pdl in piazza Farnese, hanno deciso i gruppi nel corso della riunione a cui ha preso parte Silvio Berlusconi.

13.18 Il premier Enrico Letta mercoledì interverrà prima al Senato e poi nel pomeriggio, a partire dalle 16.00, alla Camera. E' quanto è emerso dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

12.12 E' in corso a palazzo Grazioli un vertice tra Silvio Berlusconi e lo stato maggiore del partito. A via del Plebiscito è presente la delegazione ministeriale del partito guidata da Angelino Alfano. Il vice premier insieme agli altri ministri del Pdl ha rassegnato questa mattina le dimissioni dal governo in modo irrevocabile

11.35 La presidenza del Consiglio dei Ministri rende noto che sono pervenute le dimissioni irrevocabili dei ministri Angelino Alfano, Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorenzin, Maurizio Lupi, Gaetano Quagliariello.

10.44 ''Essere moderati non significa essere equilibristi. La decisione di ritirare la nostra delegazione dal governo non è stata improvvisa né impulsiva; è maturata dopo un ampio dibattito interno al termine del quale, un vero leader decide. È evidente che non esistono più le condizioni della collaborazione fra Pd e Pdl e aver fatto saltare il rinvio del rincaro dell'Iva come rappresaglia politica, è stata la goccia che fatto traboccare il vaso''. Lo afferma Stefania Prestigiacomo in un'intervista alla Stampa in cui sottolinea che ''se la mancata riforma elettorale dev'essere una scusa per creare un governicchio autunnale, mi sembra il male minore''. L'ex ministro sottolinea di non vedere ''alternative lineari e coerenti a questo governo, solo ipotesi di pastrocchi fondati sul cambio di casacca di alcuni e su trattative sottobanco. Lo facesse Berlusconi si parlerebbe di compravendita di parlamentari, ora invece si invoca il senso di responsabilità''.