Live Sicilia

sette siriani

L'orrore di Scicli:
fermato l'equipaggio assassino


Articolo letto 6.248 volte
fermato equipaggio, migranti morti, naufragio, scicli, Cronaca, Ragusa
Il barcone della tragedia

La tragedia e l'annegamento dei migranti. Oggi le forze dell'ordine hanno individuato i presunti carnefici (Guarda le foto). Intanto, cinque degli otto migranti ricoverati sono fuggiti dall'ospedale: 4 sono stati rirpresi. AGGIORNAMENTI.

VOTA
1/5
1 voto

SCICLI (RAGUSA)- Polizia di Ragusa, carabinieri e guardia di finanza di Modica hanno fermato 7 siriani, ritenuti i componenti dell'equipaggio del peschereccio con 160 migranti a bordo, tutti eritrei, 13 dei quali sono morti annegati durante lo sbarco su una spiaggia di Scicli, nel Ragusano. Contestato il reato di morte a seguito dell'evento criminoso.

Tra i fermati non ci sono i due presunti 'scafisti' che erano stati bloccati nell'immediatezza e condotti nella caserma dei carabinieri della Tenenza di Scicli. I due non sono stati riconosciuti dagli altri 'compagni di viaggio' e quindi sono stati rilasciati e condotti nel centro di accoglienza di Pozzallo. Ai sette fermati è stato contestato il reato di morte a seguito dell'evento criminoso perché,allo stato delle indagini,manca la prova che le vittime siano state costrette a gettarsi in mare dagli 'scafisti'.

L'identificazione dei corpi
Sono stati identificati alcuni dei tredici eritrei morti annegati nello sbarco su una spiaggia di Samperi, nel Ragusano. Tre erano in possesso di documenti, mentre altri due sono stati riconosciuti da familiari, un fratello e un cugino, che erano in viaggio con loro. Intanto sono riprese in mare, con motovedette di carabinieri e della guardia costiera, ricerche per eventuali dispersi.

Le condizioni dei feriti
Migliorano gli otto migranti feriti nello sbarco di ieri a Scicli. Solo uno resta grave ed è ricoverato nella divisione di Rianimazione dell'ospedale Garibaldi di Catania: si tratta del migrante travolto da un'auto pirata sulla strada provinciale 43 Pozzallo-Marina di Modica che ha avuto nell'impatto un forte trauma cerebrale con emorragia. Il migrante trasferito in elisoccorso al Cannizzaro di Catania sta bene ed è tornato in corsia. Gli altri 6 feriti, di cui due donne, ricoverati negli ospedali di Ragusa, Modica e Vittoria, sono in buone condizioni di salute e potrebbero essere dimessi già oggi.

In coma il migrante investito
E' politraumatizzato e in coma farmacologico nel reparto rianimazione dell'ospedale Garibaldi nuovo di Catania il migrante travolto ieri da un'auto 'pirata' mentre fuggiva dalla spiaggia di Scicli dopo lo sbarco in cui sono annegati 13 suoi compagni di viaggio. Lo precisano fonti dell'azienda ospedaliera del nosocomio del capoluogo etneo dell'ospedale 'Maggiore' di Modica, dove era stato ricoverato, con la prognosi riservata, in un primo momento. Indagini sono in corso per identificare l'automobilista che lo ha travolto senza soccorrerlo.

In cinque fuggono dall'ospedale
Cinque degli otto migranti sbarcati ieri a Sampieri e ricoverati in ospedale hanno lasciato la struttura sanitaria improvvisamente senza alcun foglio di dimissione dei medici. Erano ricoverati nell'astanteria dell'Ospedale 'Civile' di Ragusa, a un uomo era stata diagnosticata una broncopolmonite e una donna aveva un piede ingessato. Dopo l'allarme dei sanitari, gli agenti delle Volanti di Ragusa li hanno rintracciati, ad eccezione di un uomo di cui si sono perse le tracce. Gli altri quattro sono trasferiti nel centro di prima accoglienza di Pozzallo.

(Fonte ANSA)