Live Sicilia

la riforma

Rifiuti, finita l'era degli Ato
Ecco i nuovi commissari


Articolo letto 13.904 volte
ato, marino, rifiuti, srr
L'assessore regionale all'Energia, Nicolò Marino

Le Srr, società che dovranno occuparsi della raccolta e dello smaltimento, non sono ancora pronte. Ma il termine per lo scioglimento degli Ambiti territoriali è scaduto ieri. Così, la Regione ha scelto un gruppo di funzionari per traghettare il settore dal vecchio al nuovo sistema. Ma restano tanti dubbi sul destino dei lavoratori.


PALERMO - È finita l'era degli Ato rifiuti. Anche se ancora non è iniziata quella delle società che dovranno prendersi carico del servizio, le Srr. Ma la Regione ha individuato già i nomi e i volti di chi dovrà guidare il passaggio dal vecchio al nuovo corso. Si tratta, nella stragrande maggioranza dei casi, di dipendenti del dipartimento Rifiuti. Ma c'è anche il commissario di una Provincia: Antonella Liotta a Catania.

La decisione dell'assessorato è legata al ritardo col quale si sta definendo la nascita delle nuove società di regolamentazione del servizio dei rifiuti. Dovevano essere 18. Ed essere pronte già da oggi. Ma, come si legge nel testo di un'ordinanza firmata dal presidente della Regione Rosario Crocetta, “nonostante gli interventi sostitutivi attivati dall'Assessorato regionale competente, non sono state ultimate, da parte degli enti locali ordinariamente competenti, le procedure previste dalla stessa legge e pertanto non risultano ancora individuati i nuovi soggetti affidatari del servizio di gestione integrata dei rifiuti”.

Insomma, le Srr, per quasi la metà dei casi, non sono ancora nate. Ma la Regione ha deciso comunque di mettere fine all'esperienza dei precedenti liquidatori. E i motivi sono di natura diversa. Economici, innanzitutto: “L'attività di contemporanea liquidazione e gestione del consorzi e società – si legge sempre nell'ordinanza del governatore – continua a determinare un aggravamento della situazione debitoria degli stessi”. Ma non è solo una questione di soldi: “L'impossibilità di proseguire con l'attuale modello gestionale comporterebbe in alcune aree del territorio ad oggi non in grado autonomamente di assicurare i servizi, rischi per la salute pubblica e l'ambiente”. Insomma, l'era degli Ato è finita. Ma l'attesa per la nascita delle nuove società non poteva rappresentare un “limbo”. Così, ecco, come detto, l'intervento della Regione che, in attesa appunto della definizione del passaggio alle Srr, ha scelto la via della “gestione liquidatoria unitaria”, noninando “tra il personale in servizio presso la Regione” le persone che dovranno riempire quel vuoto, traghettando, di fatto, gli ormai ex Ato nelle nuove Srr.

Così, ecco la nuova “mappa temporanea” dei rifiuti in Sicilia. A Palermo, Murizio Norrito guiderà l'Ato 1 e l'Ato 2 verso la Srr. Lo stesso Norrito, insieme a Nino Lo Brutto invece sarà alla guida dell'Ato 4. Gli Ato Pa5 e Pa6 invece saranno nella mani di Eugenio Amato. Quest'ultimo guiderà anche l'Ato di Enna. A Trapani, invece, Francesco Lombardo all'Ato 1 e Leonardo Coniglio all'Ato 2. Ad Agrigento, i commissari saranno Loredana Ferrara (Ato Ag1), Ferdinando Buceti (è il vice capo di gabinetto dell'assessore Marino e andrà a guidare l'Ato Ag2), Nino Lo Brutto, insieme a Michelangelo Landro all'Ato Ag3. Quest'ultimo guiderà anche l'Ato di Ragusa e l'Ato Cl2. L'altro Ato del Nisseno, invece verrà affidato a Enrico Vella. A Catania, come detto, il commissario della Provincia, Antonella Liotta, guiderà il passaggio alle Srr nei territori coperti fino a ieri dagli Ato Ct1, Ct2 e Ct3. Gli altri due ex Ato (4 e 5) nelle mani di Ferdinando Buceti.

A Messina, invece, gli Ato 1 e 2 saranno affidati a Domenico Grillo ed Ettore Ragusa (in maniera congiunta). Sempre Ragusa, poi, si occuperà degli ato 3 e 4, mentre non è stato ancora definito il commissario dell'Ato 5 che comprende anche le Eolie.

Insomma, ecco i “traghettatori”. Una cosa è certa, come ha spiegato l'assessore Marino: “Da lunedì a mezzanotte gli Ato non esisteranno più, ma nel percorso noi dobbiamo vigilare. In passato gli Ato sono serviti a riempirli di personale spesso in esubero, assunto senza selezione pubblica o in violazione di legge. La nascita delle Srr serve ad evitare che i Comuni sforino il patto di stabilità per effetto di questi costi. Ma anche se la legge non ci permette di far transitare nelle Srr il personale assunto dopo il 2009 e senza concorso la sensibilità di questo governo ha fatto si che si desse vita ad un bacino nel quale fare confluire questi lavoratori. Quando le Srr avranno bisogno di personale ad esempio con l’avvio della differenziata, dovranno prenderlo da là”.

Una soluzione che però non convince del tutto i sindacati. “La nomina dei commissari – spiega Dinisio Giordano della Fit Cisl – è sicuramente una buona notizia, perché consente di garantire la continuità del servizio. Ma siamo in una fase di 'limbo' nella quale stanno esplodendo tutti i problemi ovviamente legati al passaggio da un sistema all'altro. Quello occupazionale, su tutti. Abbiamo grosse preoccupazioni soprattutto per un centinaio di lavoratori dell'Ato Pa 1. Ai sindaci chiediamo di rispettare l'impegno sottoscritto lo scorso 6 agosto, garantendo la continuità dei servizi e dei rapporti di lavoro di tutti i lavoratori che erano in servizio alla data del 31 dicembre 2012”.