Video

I beni sono riconducibili a Giuseppe Falzone, ex capo di Cosa nostra della provincia di Agrigento; Simone e Giuseppe Capizzi, padre e figlio ritenuti elementi di spicco di Cosa nostra riberese; Damiano Marrella, esponente della famiglia mafiosa di Montallegro, e Pasquale Alaimo.