Live Sicilia

Regione

Caso Riscossione Sicilia
La procura apre un'inchiesta


Articolo letto 3.315 volte

Antonio Fiumefreddo, presidente della società che incassa le tasse per conto della Regione, sarà interrogato il 14 gennaio.

VOTA
1/5
1 voto

CATANIA - La Procura di Palermo ha aperto un'inchiesta sul caso Riscossione Sicilia, la società che incassa le tasse per conto della Regione, e il 14 gennaio sentirà il suo presidente, Antonio Fiumefreddo. Lo ha reso noto lo stesso Fiumefreddo in un'intervista al sito Sudpress. "Ho chiesto di essere sentito - ha dichiarato - e devo dire che con estrema tempestività la Procura mi ha chiamato e quindi sarò sentito nei prossimi giorni. La Procura è sempre stata un nostro punto di riferimento, vi abbiamo sempre trovato ascolto e attenzione per la verifica delle denunce che abbiamo fatto".

Riscossione Sicilia ha avviato un piano di recupero crediti anche tra i deputati all'Ars. E tra le persone che devono soldi alla società c'è anche il suo stesso presidente: "È vero - conferma Fiumefreddo a 'La Repubblica' di Palermo -, ho un debito di circa 20 mila euro che sto regolarmente rateizzando, in parte con una richiesta fatta prima del mio insediamento alla guida della società e in parte con una richiesta fatta dopo perché non avevo ricevuto ancora la notifica degli atti. Sono multe e qualche ritardo nei versamenti alla Cassa forense".