Live Sicilia

Opere pubbliche

Circonvallazione, wi-fi, Massimo
Da Roma 331 milioni per Palermo


Articolo letto 11.735 volte

Arriva una pioggia di finanziamenti da adesso al 2020. La prima tranche parte subito: è da 61 milioni. Ecco i cantieri previsti in città.

VOTA
3/5
12 voti

Questa mattina si è tenuto un lungo incontro al Ministero delle Infrastrutture fra una delegazione dell’amministrazione comunale di Palermo e la nuova struttura tecnica di missione presieduta da Ennio Cascetta. L'incontro fa seguito all'incontro avuto dal sindaco Leoluca Orlando e dalla giunta comunale del capoluogo con il ministro Graziano Delrio in occasione dell’inaugurazione del tram, il 30 dicembre. All'incontro, oltre a Orlando, hanno partecipato il vicesindaco e il capoarea Mario Li Castri. “Con la struttura tecnica di missione – si legge in una nota - si è proceduto ad un esame approfondito ed alla verifica di coerenza del piano di sviluppo della rete tranviaria, predisposto dal Comune di Palermo e volto a prevedere ulteriori nuove linee di tram ed interventi infrastrutturali su viabilità interne e metropolitana. La struttura ministeriale ha espresso apprezzamento per l'attività sin qui svolta e piena condivisione della proposta di implementazione della rete di mobilità, confermando la piena sintonia del governo nazionale con la scelta strategica dell'amministrazione Orlando in favore del tram e del trasporto ferrato per le città metropolitane”.
Nel pomeriggio a Palazzo Chigi, la delegazione dell’Amministrazione comunale, integrata dalla presenza dell’assessore Giovanna Marano, ha incontrato il Sottosegretario della Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, insieme alle strutture tecniche e dirigenziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei ministeri delle Infrastrutture e dell'Ambiente.
Sono stati discussi nel dettaglio i contenuti della proposta del Patto per Palermo che verrà sottoscritto dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Sindaco del capoluogo all'interno del complessivo “Patto per il sud”. Le proposte avanzate dall’Amministrazione sono state sostanzialmente ritenute congrue, all’interno di una previsione finanziaria di 331,9 milioni di euro sino al 2020, dei quali 61 milioni già nel biennio appena iniziato.
“Il sottosegretario De Vincenti – prosegue la nota - esprimendo apprezzamento anche in questo caso per l’operato dell’amministrazione comunale ha confermato la previsione di disponibilità delle risorse, in base ad un programma definitivo e dettagliato che l'amministrazione comunale dovrà ora stilare, sulla base della confermata disponibilità finanziaria”. “Abbiamo registrato oggi - dichiara il sindaco Leoluca Orlando – un importante e favorevole clima di collaborazione istituzionale, unito a sensibilità e competenza. Come avevamo previsto, la qualità e l’affidabilità degli interventi messi in campo nel 2015 in materia di mobilità, diventano oggi il volano e il catalizzatore di nuove opportunità di sviluppo e crescita per tutta la nostra collettività in tanti settori come quelli della riqualificazione urbana, della cultura, del turismo, dello sviluppo economico, oltre che ovviamente e ancora della mobilità dolce e sostenibile.”
Tra gli interventi previsti il potenziamento del sistema di trasmissione dati dell’amministrazione comunale e del wi-fi pubblico; il potenziamento del bike e car-sharing; interventi volti alla mitigazione del rischio idrogeologico; interventi di riqualificazione della circonvallazione e la messa in sicurezza della viabilità interna; la chiusura dell’Anello ferroviario; il restauro del Teatro Massimo e sviluppo di attività culturali per la massima fruizione da parte di giovani e famiglie; lo sviluppo di un sistema di comunicazione e informazione turistica; la riqualificazione di alcuni spazi urbani; interventi volti allo stimolo della socialità e partecipazione dei giovani; il potenziamento dei sistemi di comunicazione e coordinamento della polizia municipale; interventi di edilizia scolastica in diverse aree della città; la creazione di un laboratorio partecipato per l’autoimprenditorialità sostenibile.